America post Trump: cosa attende Biden in questo 2021?

America post Trump: cosa attende Joe Biden ? Mancano davvero poche ore all’effettivo passaggio di consegne tra Donald Trump e Biden alla presidenza degli Stati Uniti, ma il taicoon, nonostante la concessione del perdono a 100 persone prima della fine effettiva del suo mandato presidenziale, lascia al suo successore alla Casa Bianca un Paese in tensione, diviso e con molte “patate bollenti’ da raffreddare.

America post Trump: la questione dei migranti sudamericani

America post Trump
America post Trump

 

Quella dei migranti sudamericani è una delle questioni più delicate con cui il neo presidente si troverà a fare i conti. Migranti che 4 anni prima erano stati l’asso nella manica di Donald Trump nel trionfare alle elezioni salvo poi divenire, complice la situazione legata alla pandemia, una delle principali vittime della sua politica scellerata e razzista,tanto da definirli nel 2018 « un assalto al nostro Paese, quelli in marcia sono soprattutto criminali, killer e terroristi del Medio Oriente» . Una politica che si sarebbe concretizzata con il cosiddetto muro al confine tra Stati Uniti e Messico, diventato luogo simbolo del fenomeno migratorio, ma che con l’entrata in scena di Biden è pronta un netto cambio di rotta.

Tra le intenzioni del presidente neoeletto vi sono quelle di proteggere ed espandere lo status di protezione temporanea ai richiedenti asilo venezuelani, oltre a consentire ad un numero maggiore di rifugiati di entrare negli Stati Uniti e a promuovere un percorso di cittadinanza per l’intera popolazione statunitense di immigrati irregolari.

America post Trump: gli accordi sul nucleare

America post Trump
America post Trump

Quella del nucleare con l’Iran è un’altra tra le questioni più spinose che hanno coinvolto l’era Trump, caratterizzato dal ritiro clamoroso degli Stati Uniti per volere dello stesso taicoon, che al contrario ha avviato nel 2018  la strategia di nuove, rigide, sanzioni nei confronti dello stesso Iran. Biden è sotto pressione per affrontare contemporaneamente il programma missilistico balistico del paese orientale, che ha afferma che non rinegozierà i termini dell’accordo e inizierà a conformarsi solo una volta che gli Stati Uniti avranno allentato le sanzioni.

America post Trump: la questione del clima

America post Trump
America post Trump

Queste elezioni americane, il confronto tra questi due presidenti, passerà anche alla storia perché per la prima volta il clima è stato messo in primo piano tra gli argomenti di dibattito, lasciando però spazio alla pandemia da Covid-19. Trump lascia al suo successore un ‘America segnata dalla destabilizzazione degli accordi internazionali e di deregolamentazione delle emissioni di gas serra voluta dallo stesso taicoon’, il quale accetta la sfida non solo favorendo il rientro degli Stati Uniti negli accordi di Parigi, ma lanciando uno tra i più ambiziosi programmi climatici mai presentati da un presidente degli Stati Uniti.

Un programma che ha al centro la produzione entro il 2035 di energia elettrica completamente pulita e la neutralità delle emissioni di CO2 entro il 2050.

 

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0