Confronto Conte Mattarella al Quirinale: l’ultimo salvataggio?

Dopo il vertice di governo a Palazzo Chigi che ha sancito la necessità di “andare avanti con il rafforzamento di maggioranza”, il confronto Conte Mattarella al Quirinale sembra essere l’ultimo atto di un tentativo di salvataggio del governo dalla Crisi.

Confronto Conte Mattarella
Confronto Conte Mattarella

Una crisi da molti ritenuti inadeguata visto il periodo delicato che l’Italia e non solo sta vivendo, ma al tempo stesso quasi inevitabile, innescata da dubbi e incertezze di varie forze politiche sull’operato del Premier e della sua squadra negli ultimi mesi.

Una crisi che ieri sera, tuttavia, ha dimostrato di essere ancora lontana da una vera e propria risoluzione, come dimostrato da Matteo Renzi, contro il quale Conte si è scontrato dapprima velatamente alla Camera, e poi liberamente in Senato, mettendo il leader di Italia Viva davanti all realtà dei fatti compiuti dal Governo

Confronto Conte Mattarella al Quirinale: i punti salienti

Confronto Conte Mattarella
Confronto Conte Mattarella

Come annunciato dallo stesso Conte prima di recarsi al Colle, quello con Mattarella è stato un incontro “interlocutorio” con lo scopo di riferire al Presidente della Repubblica, gli sviluppi della crisi politica dopo il voto di fiducia di ieri. Un colloquio durato quaranta minuti, e solo ipotesi per ora sui temi affrontati, in quanto del quale da entrambe le parti non è trapelato nulla.

Quello che si può ipotizzare è che siano stati affrontati i temi caldi degli ultimi giorni, discussi negli ultimi due incontri una settimana fa, subito prima e subito dopo l’annuncio del ritiro della delegazione ministeriale di Iv da parte di Matteo Renzi, quando il Capo dello Stato aveva chiesto di “uscire velocemente dall’incertezza”, e che Conte abbia dichiarato al Presidente della Repubblica come intende ora procedere con il suo percorso di Governo.

Un percorso che prevederà come grande cambiamento la sostituzione di Italia Viva con un altro partito, ribattezzato dallo stesso Premier “la quarta gamba” capace di sostenere la Maggioranza, facendo a meno di voti “sparsi qua e là”

Un confronto, quello tra Conte e Mattarella, considerato un “gesto di cortesia istituzionale” visto il rapporto di fiducia reciproca tra le due figure istituzionali.

Confronto Conte Mattarella al Quirinale: il momento dell’opposizione e i cambiamenti di Italia Viva

Confronto Conte Mattarella
Confronto Conte Mattarella

Un confronto al Quirinale con il Presidente della Repubblica, richiesto fortemente anche dalle opposizioni già dopo la conclusione della seduta di ieri al Senato, al termine della quale hanno definito “incostituzionale” la fiducia data al Premier  Conte con una minoranza di 156 voti favorevoli, numeri che sono stati definiti “troppo fragili” affinchè le Camere garantiscano un lungo cammino al Governo Conte e “non si può fare finta che vada tutto bene”

 

.

Confronto Conte Mattarella
Confronto Conte Mattarella

Il dibattito di ieri ha segnato un altro profondo scossone politico: il passaggio di Italia Viva all’opposizione, come dichiarato dallo stesso Matteo Renzi:

“Oggi dovevano asfaltarci, ma non hanno la maggioranza”, ha detto Matteo Renzi, ospite a Porta a Porta. “Mi sembra evidente che da oggi saremo opposizione – annuncia – il presidente del Consiglio ha scelto di costituire un’altra maggioranza, non ci vuole con sé”.

Renzi che ha espresso anche il suo parere sui “numeri” dell’Esecutivo:

“Non hanno i numeri nelle Commissioni, non ho più il vincolo di maggioranza, non devo più votare per Bonafede.[..]Un Paese in crisi  non si governa con questi numeri”.

Una crisi, quella del Governo Conte, che sembra ancora lontana da una fine, positiva o negativa che sia: saranno i prossimi giorni a decidere il futuro dell’Esecutivo e del Paese 

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0