Chi sono gli Uiguri, il popolo sui cui l’America ha riacceso i riflettori?

Chi sono gli Uiguri e perchè sono discriminati? Il governo Biden prima (che ha ripreso un discorso aperto dal suo predecessore Donald Trump) e il caso scoppiato in seguito al blocco da parte di Twitter del profilo dell’ambasciata cinese negli Stati Uniti , hanno acceso, o meglio riacceso, i riflettori su quella che si può definire una delle tragedie del XXI secolo: il genocidio degli Uiguri nella regione dello Xinjiang  da parte del governo cinese.

Chi sono gli Uiguri? Le origini di questo popolo

Chi sono gli Uiguri
Chi sono gli Uiguri

Gli Uiguri sono una minoranza etnica turcofona di religione islamica, che vive principalmente nella regione autonoma dello Xinjiang, nella parte sud ovest della Cina, dove costituiscono la maggior parte della popolazione, anche se alcune comunità sono presenti paesi dell’Asia centrale (Kazakistan, Kirghizistan e Uzbekistan Afghanistan, Pakistan), in Europa (Germania, Belgio, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia, Russia) oltre Arabia Saudita, Australia, Canada e Stati Uniti.

Il loro nome, Uiguri, di derivazione incerta, ma significa “alleati”, “uniti” ad indicare l’eterogeneitá di questo popolo, che in origine era semplicemente un gruppo di tribù di lingua turca che viveva nell’odierna Mongolia, generalmente identificati con i Tie-le; oggi sono dal punto di vista morfotipico una  commistione tra gli antichi abitanti indoeuropei stanziali delle varie città-oasi della regione e le popolazioni turche che vi sono migrate successivamente.

Nella regione dello Xinjiang gli Uiguri rappresentano il 50% e più della popolazione, mentre il restante è rappresentato dai cosiddetti Han

Chi sono gli Uiguri? Le ragioni della persecuzione

La persecuzione degli Uiguri e il loro genocidio attuato dal governo di Pechino è un fenomeno su cui, come accennato, gli ultimi fatti accaduti negli Stati Uniti hanno riacceso i riflettori, ma che in realtà va avanti dagli inizi del ‘900 , quando iniziarono le prime tensioni tra questi e gli Han. Questi ultimi tra gli anni ’50 e ’70, furono costretti ad una migrazione di massa di cinesi Han nella regione e il governo cinese iniziò ha una serie di politiche per sopprimere l’identità culturale e la religione degli uiguri.

Una politica che si è intensificata tra la fine degli anni ’90, con la dissoluzione dell’URSS e l’inizio degli anni 2000, quando lo Xinjiang comincia ad essere fortemente controllato, in seguito a diversi attacchi terroristici da parte di gruppi uiguri, nei confronti dei quali inizia una vera e propria persecuzione.

Una persecuzione che non coinvolge solo i diretti responsabili degli attentati, ma l’intera popolazione, quindi anche uomini comuni, donne e bambini, e che si intensifica dal 2001, quando a seguito dei primi attacchi terroristici da parte di Al Qaeda e dei terroristi islamici, viene presentata come una campagna di lotta al terrorismo, in virtù della fede professata da questo popolo.

Chi sono gli Uiguri
Chi sono gli Uiguri

La realtà tuttavia è ben diversa: un internamento di massa come ma si era mai visto dalla Seconda Guerra Mondiale, fortemente voluto dal presidente Xijinping, all’interno di quelli che lui stesso in diverse conferenze stampa ed interviste, ha definito “campi di rieducazione professionale”, ma che hanno l’aria di veri e propri campi di concentramento, analoghi a quelli costruiti dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale, fatti di torture, giorni di prigionia e lavori forzati.

Una triste realtà da anni negata dal Governo e autorità cinesi in ogni occasione, anche davanti alle Nazioni Unite, ma che negli ultimi tempi, grazie alla stessa tecnologia con la quale la Cina teneva sotto controllo questa popolazione perseguitata, è emersa grazie ad immagini satellitari che hanno documentato la rapida costruzione di questi “campi di lavoro”, secondo quanto confermato più volte dal governo cinese. Campi la cui costruzione veniva affidata agli stessi uiguri prigionieri, e all’interno dei quali venivano poi “rieducati”

 

 

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0