Minori e social: 16enne scappa di casa con una ragazza conosciuta su Tik Tok

Minori e social un binomio che spesso fa paura. É di pochi giorni fa la notizia di una bambina di 10 anni morta a causa di un stupida sfida social. Il padre, in una recente intervista, ha dichiarato che internet era il mondo della figlia, e che non si immaginava nulla di simile.

Oggi siamo a parlare di un altro grava fatto accaduto stavolta in Toscana: una ragazza di 16 anni è scappata di casa da 2 settimane, e lo ha fatto con una ragazza conosciuta su Tik Tok. Quest’ultima sarebbe una influencer, famosa anche per aver bullizzato un disabile e adescato altre ragazzine.

Le due ragazze starebbero girando l’Italia, lo dimostrano le foto che pubblicano sui social. Secondo i genitori della 16enne, la loro figlia sarebbe stata plagiata dall’altra ragazza, con il miraggio di diventare ricca e famosa e poter fare la cosiddetta bella vita.

La ragazzina ha lasciata a casa il cellulare portandosi dietro solo un tablet, e questo ha permesso di poter accedere a numerosi gruppi whatsapp, in cui l’influencer di Tik Tok portava altre ragazze a spogliarsi e inviare foto.

Si sospetta che dietro ci possa essere un giro molto pericoloso.

Minori e social: la pandemia non aiuta

Minori e social
Minori e social

Lo stato mondiale di allarme si è reso necessario, ma l’isolamento ha portato anche conseguenze per niente piacevoli.

Le scuole sono state chiuse per gran parte dell’ultimo anno, la didattica presenziare è stata sostituita con quella a distanza, misure che ovviamente andavano prese, ma che hanno portato milioni di adolescenti a passare intere giornate chiusi in casa.

Nessun attività sportiva, nessun contatto con gli amici se non tramite i social. Facebook, Twitter, Tik Tok, Instagram e via dicendo, sono diventati le nuove piazze in cui ci si incontra, in cui si fanno nuove amicizie. Abbaimo tutto iniziato a riversarci su internet.

Ma se un adulto riesce, a volte, a scindere e valutare le situazioni, un minore non ha ancora questa attitudine.

Minori e social: un mondo immenso che spesso è sconosciuto

Minori e social
Minori e social

Vediamo ragazzini diventare star del web in pochi mesi, e questo porta loro fama e ricchezza. In molti casi non c’è niente di male nell’essere un influencer, perché è bello ascoltare cosa abbiano da dire e anche insegnare ragazzi molto giovani.

Questo però non implica che sia facile e che ci sia spazio per tutti. Essere influencer é anche una responsabilità perché si danno indicazioni a chi ci segue, ma va chiarita una cosa: un influencer non ha la verità in tasca.

Il mondo del web é un mondo bellissimo, ma nasconde mille insidie, mille pericoli e tante trappole che un adulto non può immaginare. Il gap di conoscenze tra un adolescente moderno e un genitore, è enorme.

Gli adulti non hanno idea, spesso, di cosa facciano i figli ma non per disinteresse semplicemente perché non conoscono fino in fondo il mondo dei social, e per quanto possano mettere in guardia i figli, e lo fa no indubbiamente, non sempre sanno come prevenire il problema.

Le challenge sono un esempio lampante: vengono lanciate queste stupide sfide i cui risultati devono essere pubblicati online, sui social, perché per essere qualcuno devi emergere sennò sei invisibile. Tutto questo per un adulto è incomprensibile, non ne capisce il senso ma per un adolescente é un modo per dire “ehi sono qua”.

La crisi adolescenziale, quella in cui cerchi di capire chi sei e in cui provi a mettere la testa fuori dal guscio, si è trasferita sui social, un mondo vastissimo in cui mettere delle regole è davvero difficile.

Minori e social: a che età é giusto dare loro smartphone e accesso ad internet?

Minori e social
Minori e social

Purtroppo una risposta certa non esiste, potremmo dire 14 anni o 16, ma la verità è che il pericolo è sempre un agguato. È verissimo che i minori si sono sempre allontanati da casa, ma mentre prima il contorno in cui operare i controlli era quello circostante casa, ora si è ampliato diventando il mondo.

Siamo connessi in tempo reale con chiunque, in qualunque parte della terra a qualsiasi ora. Tik Tok ha messo un limite di età per iscriversi, e ci pare più che giusto, stessa cosa fece Whatsapp lo scorso 2019, ma il problema come sempre resta la sensibilizzazione e la conoscenza: forse sarebbe il caso di informare tramite le scuole, con video e quant’altro, sui reali pericoli del web.

Informazione diretta tanto ai ragazzi quanto ai genitori, che si trovano a dover fronteggiare un mondo totalmente sconosciuto, con mezzi di comunicazione che maneggiano ma che non conoscono totalmente.

Ogni caso è a sé, ed è ovvio che ogni genitore protegge i propri figli e lo fa senza remore, ma non può passare inosservato il fatto che molto spesso non riescano a vedere il pericolo, o non sappiano come prevenirlo perché non lo conoscono.

E questo non è un giudizio ma un dato di fatto: pandemia o meno, gli adulti hanno continuato in molti casi a lavorare, stando fuori casa o lavorando da casa, ma concentrandosi, ovviamente, sul lavoro. La cosiddetta nuova normalità ha portato tutti a trascorrere giornate intere in casa, tra computer, smartphone e social che sono diventati una finestra sul mondo.

Finestra che spesso crea ponti tra persone lontane, unendole e creando amicizie bellissime, perché il mondo del web non è solo pericoloso e insidioso, può esser un valido appoggio ma va saputo maneggiare.

Minori e social
Minori e social

I ponti che si creano fra persone lontane possono essere di aiuto o possono demolirsi una volta valicati, il confine spesso è sottile perché i rapporti social si basano sulla fiducia incondizionata.

I predatori sanno benissimo come conquistarsi la fiducia di chi sta dall’altra parte dello schermo, sono abili in questo, e da ragazzini scoprirli è davvero dura. Perché che sia un’epoca social o no, un adolescente cercherà sempre l’approvazione del gruppo, vorrà essere quello figo, quello guardato con ammirazione. Questo, però, non può mai essere a discapito della vita e della sicurezza: usate la testa ragazzi, quella stessa testa che vi fa essere piccolo geni informatici e che vi rende una generazione unica. Ma usatela perché nessuno ha il diritto di giocare con la vostra vita, tantomeno per un like in più.

Tania Carnasciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0