Ordigno esplode in una chiesa a Los Angeles: l’FBI indaga sull’accaduto

Un ordigno esplode in una chiesa a Los Angeles: l’esplosione è avvenuta a El Monte, un sobborgo della città californiana, e stando alle prime notizie non ha causato feriti, ma solo ingenti danni alla chiesa, la First Works Baptist Church.

ordigno esplode in una chiesa
ordigno esplode in una chiesa

Sull’accaduto si sono messi subito ad indagare L’FBI e le autorità locali, alla luce degli episodi recenti che hanno coinvolto l’edificio sacro in quanto solo qualche ora prima dell’esplosione, la chiesa sarebbe stata vandalizzata al suo interno.

Un ordigno esplode in una chiesa a Los Angeles: la storia della First Works Baptist Church

Una chiesa, la First Works Baptist Church, da mesi nell’occhio del ciclone mediatico per la sua reputazione e in particolare quella del suo pastore, Bruce Mejia, noto per il suo linguaggio provocatorio, etichettato da molti come incitamento all’odio, tanto che nel 2019 era stato etichettato dal Southern Poverty Law Center, che tiene traccia dei gruppi di odio, per la sua posizione liberamente anti-LGBT.

ordigno esplode in una chiesa
ordigno esplode in una chiesa

Lo stesso pastore, infatti, è stato nello stesso anno, tra i partecipanti alla conferenza “Make America Straight Again” (rendiamo di nuovo l’America etero) svoltasi ad Orlando, a due giorni dall’anniversario del massacro nel Pulse, nota discoteca gay della città della Florida, in seguito al quale avrebbe ricevuto minacce sui social.

Un ordigno esplode in una chiesa a Los Angeles: la popolazione ne vuole la chiusura

ordigno esplode in una chiesa
ordigno esplode in una chiesa

Una posizione, quella di Mejia e della sua chiesa, che appartiene al New Independent Fundamental Baptist Movement, che ha causato indignazione nella popolazione cittadina, che fatto una petizione di 15mila firme indirizzata al sindaco di El Monte per ordinarne la chiusura.

Tuttavia, il capo della polizia locale, David Reynoso, ha tenuto a precisare come al momento non vi sono prove di  un possibile collegamento tra le proteste, avvenute qualche giorno prima, da parte del movimento Keep El Monte Friendly, e l’attacco all’edificio:

 “Non voglio neanche parlare delle proteste perché non sarebbe giusto collegare le due cose”

Movimento che ha appena annullato l’ennesima manifestazione davanti alla chiesa indetta proprio per oggi, attraverso un comunicato:

“Noi capiamo che quello che predicano può far arrabbiare le persone, ma non promuoveremo mai, né incoraggeremo o condoneremo alcun atto di violenza”

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0