Shock in Lousiana: omicidio in diretta per mano di minori

Shock in Louisiana: tre ragazzi fra i 12 e i 16 anni hanno accoltellato una 15enne pare a seguito di una lite in un cinema.

Come se tutto questo non fosse abbastanza orribile, dobbiamo aggiungere che l’omicidio é avvenuto in diretta Facebook ed Instagram. I minori che hanno compiuto questo orribile omicidio, lo hanno fatto non solo riprendendosi ma addirittura in diretta.

Shock in Louisiana: terzo omicidio compiuto da minori in pochi mesi

Shock in Louisiana
Shock in Louisiana

Le forze dell’ordine hanno in mano molte prove, grazie al video girato dagli assassini che non mostrano nessun rimorso per quello che hanno fatto.

Questo è il terzo caso in 6 mesi in cui minori tra 11 e 16 anni, compiono efferati omicidi. La polizia stessa definisce inquietante il video ripreso dagli stessi ragazzi.

Il coltello é stato rubato in un Walmart e si ripropone un annoso problema: l’accesso troppo facile che hanno i giovani alle armi.

È purtroppo un dato di fatto che negli Stati Uniti le armi siano di facile distribuzione e accesso, ed assistiamo con frequenza a gesti efferati come questo.

Possiamo dare la colpa ai social, alla TV, alla pandemia, a qualsiasi cosa, ma non sarebbe giusto dare la colpa a chi commette questi atti?

Essere giovani assassini é un’attenuante?

Shock in Louisiana
Shock in Louisiana

Spesso diciamo ma sono ragazzi e se arrivano a questo è colpa della famiglia, dei media, dei videogiochi e via dicendo, ma non dovremmo iniziare a dare la colpa ai responsabili?

Da una parte é vero che gli stimoli esterni condizionano la mente di un ragazzino, e che la gravità del  gesto di uccidere qualcuno dovrebbe essere nota fin dalla più tenera età, ma non tutto può ricadere sull’esterno.

Per quanto ragazzi molto giovani, per quanto possano avere avuto famiglie che non li hanno seguiti (ammesso che sia così) non può essere un’attenuante la giovane età. Spezzare una vita volontariamente, e farlo in diretta come fosse una challenge social come un’altra, non può essere relegato a mancanza di educazione. Non solo, almeno.

Il gesto è troppo grave per non essere imputato senza attenuanti a chi lo ha commesso. A prescindere dall’età stiamo parlando di assassini che hanno agito a sangue freddo e ben sapendo cosa stessero facendo, tanto che perfino la polizia é rimasta senza parole.

 

Tania Carnasciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0