Mattarella convoca Fico: si troverà una soluzione alla crisi politica?

Mattarella convoca Fico e gli affida il mandato esplorativo per il nuovo governo. Il presidente della Camera ha tempo fino a martedì per svolgere questo delicato compito. Le soluzioni possibili sono diverse e presentano pro e contro.

Mattarella convoca Fico: l’incontro tra i due presidenti.

Venerdì sera Sergio Mattarella ha affidato al presidente della Camera Roberto Fico un mandato esplorativo per vedere se è possibile creare un governo politico ed uscire dalla crisi innescata da IV.

Fico, attualmente in forza al Movimento 5 Stelle, seguirà dalle 16:00 di oggi alle 14:00 di domani le consultazioni a Montecitorio con i vari partiti di maggioranza. Tra le parti in causa ci sarà anche Italia Viva che, ricordiamo, ha causato lo strappo.

La lista delle consultazioni che Roberto Fico seguirà per ordine del presidente Sergio Mattarella a partire da oggi alle 16 fino alle 14 di domani. (Fonte: Twitter)
La lista delle consultazioni che Roberto Fico seguirà per ordine del presidente Sergio Mattarella a partire da oggi alle 16 fino alle 14 di domani. (Fonte: Twitter)

Il difficile compito del Presidente della Camera, che nelle consultazioni fuori dal Quirinale sarà gli occhi e le orecchie di Mattarella, durerà fino a martedì. Se in questa data non si sarà raggiunto un accordo spetterà al Presidente della Repubblica prendere in mano la situazione.

Mattarella convoca Fico: le ipotesi di governo.

Partendo da quelle più drastiche, cioè se le consultazioni non andassero a buon fine, le alternative che si profilano sono un governo tecnico o uno istituzionale.

Il primo sarebbe guidato da dei “tecnici” come degli economisti. Un esempio di governo tecnico è stato il governo Monti (novembre 2011-aprile 2013).

Un governo istituzionale sarebbe formato da una maggioranza di partiti sotto la guida di un presidente del Consiglio scelto da Mattarella stesso.

Tuttavia dagli incontri di questi giorni è emersa la volontà della maggioranza di evitare le elezioni e creare un nuovo patto di legislatura.

Mattarella convoca Fico. Il presidente della Repubblica ha affidato a Roberto Fico il mandato esplorativo. (Fonte: Corriere)
Mattarella convoca Fico. Il presidente della Repubblica ha affidato a Roberto Fico il mandato esplorativo. (Fonte: Corriere)

Allo stato attuale delle cose non è sicura la presenza di Giuseppe Conte nel nuovo governo. I 5 Stelle appoggiano in toto il premier dimissionario, ma da soli non bastano ad assicurare il suo ritorno.

Mattarella convoca Fico: Italia Viva dentro o fuori?

Il nodo che sta rendendo tutto incerto è quello sulla presenza o meno di Renzi e i suoi nel nuovo governo. Infatti, dopo aver scatenato la crisi ed essere uscito dalla maggioranza Matteo Renzi, si è mostrato disponibile a ritornarci.

L’ipotesi del ritorno di Italia Viva sta rendendo la situazione complicata e sta generando non poche tensioni interne alla maggioranza.

Ma andando con ordine: Renzi è disposto a rientrare nel governo insieme a PD e 5 Stelle a patto che ci sia un nuovo presidente diverso da Conte. Questa volontà è il primo grande veto per la formazione del nuovo esecutivo.

Il secondo paletto è la presenza stessa di Italia Viva nella maggioranza senza la quale non ci sarebbero i numeri necessari per andare avanti. Questa decisione sta causando tensione all’interno dei singoli partiti.

Il PD di Zingaretti, nonostante non abbia per nulla gradito la mossa di Renzi definendola un grave errore politico, non si è mostrato apertamente contrario ad un ritorno di Italia Viva in maggioranza.

Invece la situazione è più grave nel Movimento 5 Stelle, già fiaccato dalla crisi interna, che sul tema Italia Viva si spacca in due fazioni.

Da una parte Luigi Di Maio, l’attuale ministro degli esteri, e Vito Crimi appaiono propensi a riaccogliere Italia Viva per ottenere i numeri necessari per  risolvere la crisi.

Il dirigente Vito Crimi venerdì pomeriggio ha affermato di preferire:

 “un governo politico a partire dalle forze di maggioranza attuali.”

Quindi ammettendo la presenza di Renzi e i suoi al loro fianco.

Dall’altra parte la fazione più radicale del Movimento capitanata da Alessandro Di Battista e Davide Casaleggio si oppongono con forza al ritorno dei renziani.

Questa spaccatura sta indebolendo i 5 Stelle sempre di più. Di Battista spiega così la sua posizione:

“Tornare a sedersi con Renzi significa commettere un grande errore politico e direi storico. (…) Se il Movimento dovesse tornare alla linea precedente io ci sono. Altrimenti arrivederci e grazie.”

Mattarella convoca Fico: conclusioni.

Il presidente della Camera Roberto Fico ha davanti a sé giorni particolarmente impegnativi e la sua responsabilità è gravissima.

l’Italia ora come ora ha bisogno di trovare la stabilità politica necessaria per affrontare la pandemia e le altre sfide  che si stanno presentando in questo periodo.

 

 

 

 

Pierpaolo Pisciella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0