Sanremo 2021 senza pubblico: la decisione definitiva da parte della RAI

Quello che si terrà all’Ariston dal 2 al 6 marzo, sarà un Festival di Sanremo 2021 senza pubblico: a deciderlo la stessa mittente.

La decisione è arrivata dopo una lunga riunione con lo staff, compreso lo stesso presentatore e direttore artistico Amadeus, avvenuta in seguito ai dibattiti dei giorni scorsi, con il dissenso totale da parte del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini, e la polemica social che c’è venuta dietro. Inoltre, saranno sospesi eventi esterni e presenza di programmi collegati al Festival della Canzone Italiana.

Sanremo 2021 senza pubblico
Sanremo 2021 senza pubblico

Accantonata anche l’0pzione, tenuta fino all’ultimo, della presenza di figuranti. Il tutto per consentire lo svolgimento della kermesse nel pieno e totale rispetto delle regole anti contagio. 

Sanremo 2021 senza pubblico: il comunicato dell’azienda

Sanremo 2021 senza pubblico
Sanremo 2021 senza pubblico

“La Rai, al termine di una riunione con il direttore artistico in cui sono stati esaminati in dettaglio i vari scenari, ritiene che la 71esima edizione del Festival di Sanremo, prevista dal 2 al 6 marzo, debba concentrarsi esclusivamente sull’evento serale al Teatro Ariston.

Per tale motivo domani l’Azienda presenterà al Cts il protocollo organizzativo-sanitario che non prevede la presenza del pubblico al Teatro Ariston. La Rai ha dato pertanto indicazioni al direttore artistico per lavorare su idee creative compatibili con questa impostazione.

Non sono previsti eventi esterni e la presenza a Sanremo di programmi collegati al Festival, che negli ultimi anni hanno animato la rassegna canora.

Con tale impostazione la Rai intende produrre il massimo sforzo per realizzare un Festival in sicurezza e portare lo show ai suoi telespettatori nel rispetto del mondo della musica e della storia del Festival”

Sanremo 2021 senza pubblico
Sanremo 2021 senza pubblico

La RAI entro domani presenterà al Comitato Tecnico Scientifico il protocollo organizzativo sanitario che verrà messo in atto per la kermesse, che negli ultimi giorni aveva espresso preoccupazione non tanto sulla gestione degli spazi chiusi, ma quanto sui possibili assembramenti all’esterno del teatro Ariston, che sono quasi un “must” di manifestazioni di questa portata.

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0