Oltre 100 milioni di dosi di vaccini somministrate nel mondo

E’ stata superata in questi giorni la quota di 100 milioni di vaccini somministrati in 77 diversi Paesi o territori nel mondo.

E’ quanto annunciato dall’agenzia France Press, che si è basata, per il calcolo, sulle fonti ufficiali.

Il muro dei 100 milioni di vaccini iniettati a livello mondiale è stato superato a neanche due mesi dal lancio delle prime campagne vaccinali. Più precisamente, ad oggi le dosi distribuite alla popolazione ammontano a 101.317.005.

Vaccini: superate le 100 milioni di dosi somministrate nel mondo
Vaccini: superate le 100 milioni di dosi somministrate nel mondo

Impressionanti i numeri che arrivano da Israele: più di 50 le dosi somministrate ogni 100 cittadini. Lo Stato israeliano è quindi il primo al mondo in quanto a percentuale di vaccini somministrati rispetto alla popolazione. Seguono gli Emirati Arabi Uniti e il Regno Unito (quest’ultimo conta più di 14 dosi iniettate ogni 100 cittadini).

Quanto a numero di somministrazioni guidano gli Stati Uniti con più di 32 milioni di dosi di vaccini distribuite alla popolazione, segue subito dopo la Cina con 24 milioni di dosi (il dato della Cina è aggiornato al 31 gennaio).

L’Italia, nella corsa all’immunità, si difende più che bene. Sono, infatti, più di 2 milioni le dosi di vaccino contro il Covid-19 somministrate ai cittadini. Più precisamente si tratta di 2,08 milioni di dosi iniettate al 2 febbraio. (Per maggiori dettagli, vedi qui).

Il milione di dosi era stato raggiunto già a metà gennaio. I ritardi e i tagli hanno, poi, ovviamente avuto delle ripercussioni sul numero di somministrazioni effettuate e potranno portare ad una possibile rimodulazione della campagna vaccinale.

In ogni caso, più di 600 mila persone in Italia hanno ricevuto già la seconda dose.

Si viaggia, qui, ad una velocità di circa 82 mila somministrazioni al giorno. E’ uno dei migliori dati in Europa; il Paese è secondo, in quanto a numero di vaccini, solo alla Germania. Mentre quello italiano è il miglior dato europeo in termini di percentuale rispetto alla popolazione.

In generale, al primo di febbraio, in Italia sono 3, 36 le dosi di vaccino contro il Covid-19 somministrate ogni 100 cittadini.

Sono dati, tutto sommato, incoraggianti. Probabilmente in Italia – e in Europa – all’inizio delle campagne di vaccinazione si sperava per una velocità di somministrazione più importante. Non bisogna dimenticare, però, le varie problematiche che si sono presentate, a partire dalla questione Pfizer fino ad arrivare ad AstraZeneca.

Sono, ad oggi, tre i vaccini approvati dall’Ema: Pfizer, Moderna, AstraZeneca. Per quest’ultimo la questione sulla somministrazione si fa complessa visti i dati comunicati e le conseguenti raccomandazioni dell’Aifa in Italia.

Altri vaccini, inoltre, dovrebbero essere presi in considerazione da parte dell’Ente europeo preposto, così come vari altri vaccini di cui l’Europa ha già prenotato dosi, si trovano in fasi sperimentali di studio o si stanno accingendo a  rendere pubblici i risultati.

L’obiettivo della copertura del 70% della popolazione europea entro il 2021 risulta comunque possibile, posto che questi vaccini si dimostreranno validi contro le varianti che si stanno diffondendo.

 

 

 

 

Giambattista Sozzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0