Partono le consultazioni di Draghi: 3 giorni per decidere

Ufficialmente partite le consultazioni di Draghi, dureranno 3 giorni e avranno lo scopo di sondare il terreno per una possibile maggioranza.

Mario Draghi ha iniziato a parlare con i partiti da circa un’ora. I primi sono stati Azione e +Europa, Maie Cd, Europeisti-Maie, Misto Camera, Nci, Cambiamo.

Domani toccherà a Autonomie, di LeU, Iv, Fdi, Pd e Fi, mentre sabato dalle 11 con  Lega e M5S. Gli incontri hanno differente durata, che varia a seconda del peso del partito con cui Draghi si trova a confrontarsi.

L’ottimismo del Colle sulle consultazioni di Draghi

Consultazioni di Draghi
Consultazioni di Draghi

Mattarella pare sia abbastanza ottimista, d’altronde questa scelta è partita da lui che si è trovato di fronte a posizioni inconciliabili. I partiti sono rimasti ognuno sulle proprie posizioni, senza la minima intenzione di fare un passo verso gli altri.

La situazione di stallo dura ormai da parecchi giorni, speriamo di avere un Governo stabile al più presto.

Consultazioni Draghi: cosa farà Conte?

Consultazioni di Draghi
Consultazioni di Draghi

L’ormai ex Premier, avrebbe dichiarato che ha sbagliato a dimettersi che forse avrebbe potuto continuare a governare.

Inoltre c’è chi sostiene che non abbia nessuna intenzione di fare il Ministro in un Governo Draghi, anche queste sarebbero solo voci di corridoio senza alcun fondamento.

Resta comunque il dubbio su cosa farà e se Draghi ha pensato o prevede un ruolo per Conte nel suo Governo.

Consultazioni Draghi: i partiti aspettano un programma

Molti leader si sono detti disponibili ad un sostegno, ma solo dopo aver visto e approvato un programma di Governo.

Tanto la Lega quanto i 5 Stelle, non hanno pregiudizi su Draghi come persona ma prima di accordargli o meno la fiducia, vogliono sapere come intende muoversi.

Non hanno nessuna intenzione di dare fiducia a scatola chiusa, vogliono prima capire in che direzione andrà il Governo e se per loro è accettabile o meno.

Solo allora si esprimeranno in in senso o nell’altro. Tutte le forze politiche concordano che sia giunto il momento di pensare al bene del Paese, mettere da parte gli egoismo e puntare sulla.rosoluzoone dei numerosi problemi presenti sul territorio.

Draghi ha il consenso, la fiducia e la stima dell’Europa, grazie al suo curriculum e al suo lavoro gode di una forte base di consensi.

 

Tania Carnasciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0