L’influenza aviaria torna a far paura: riscontrati casi nell’uomo in Russia

A distanza di anni, l’influenza aviaria torna a far paura: in Russia, infatti, sono stati riscontrati alcuni casi nell’uomo. Si tratta di 7 dipendenti di un’azienda che produce pollame, nei quali è stato isolato il virus, ma le cui condizioni di salute al momento non destano preoccupazione. La Russia ha immediatamente allertato l’OMS.

Cos’è l’influenza aviaria?

influenza aviaria
influenza aviaria

L’ influenza aviaria è un’ infezione virale molto contagiosa che colpisce gli uccelli selvatici e domestici, come polli e tacchini. Tale infezione è portata da  virus influenzali di tipo A, di cui i volatili rappresentano  l’ospite naturale e che sono in grado di infettare anche altri animali e persino l’uomo, anche se ciò avviene raramente e solo per alcuni ceppi virali zoonotici, (il più noto è il virus H5N1, sottotipo attualmente in circolazione nel pollame in alcune parti dell’Asia e dell’Africa nord-orientale).

influenza aviaria
influenza aviaria

In questo caso, l’infezione avviene attraverso il contatto diretto con gli animali infetti (vivi o morti) o con ambienti contaminati e/o loro escrezioni (feci, urine, saliva e secrezioni respiratorie) e la sintomatologia varia a seconda della gravità dell’infezione stessa: da sintomi comuni come febbre elevata (maggiore o uguale a 38°C) e tosse, a sintomi più specifici e talvolta gravi, in particolare a livello respiratorio.

influenza aviaria
influenza aviaria

H5N1 è stato identificato per la prima volta nel 1997, riscontrando inoltre la sua capacità di mutare rapidamente e di acquisire geni da virus che infettano altre specie animali. Nel 2003 si è visto come questo virus abbia compiuto quello che viene definito “salto di specie”, passando dai volatili ai gatti e cani, oltre ad essere in grado potenzialmente di contagiare direttamente anche gli esseri umani, causando forme acute di influenza che in molti casi hanno portato a morte.

Ad oggi ancora non è disponibile un vaccino contro l’influenza aviaria anche se l’OMS, con i laboratori , sta lavorando per il suo allestimento.Esistono tuttavia, farmaci antivirali utili nel contrastare l’influenza aviaria,

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0