L’incubo della Didattica a distanza, un esame di medicina si trasforma in delirio

Gli esami universitari sono sempre un ostacolo per tutti gli studenti, ma a volte possono lasciare il segno, soprattutto adesso attraverso la didattica a distanza.

E il segno l’ha lasciato, ad una giovane studentessa di Medicina che durante un esame in videoconferenza, è stata decisamente aggredita dal suo professore per non aver risposto correttamente. La situazione è degenerata a tal punto che la mamma della ragazza è intervenuta scatenando una discussione con il docente davanti agli altri studenti.

Il video ha già fatto il giro del web, scatenando il caos anche su internet, tra gli utenti che si sono schierati dalla parte della studentessa o del docente.

L’incubo della Didattica a distanza: Studentessa in lacrime durante un esame

 “Professore, è mai possibile che io ogni volta devo essere mortificata?”

Questa la semplice frase, che ha scatenato l’ira del docente che, spazientito dall’osservazione della ragazza, risponde:

“Eh figlia mia, al sesto anno parli di divisione cellulare del morto? Ma che ti devo dire? T’hannà arrestà?”

Richiamata dal tono del docente, interviene la madre della ragazza arrivando all’improvviso, nel corso della didattica a distanza:

“Scusate, io sono la mamma e devo intervenire. Lei sta mortificando mia figlia, ci sono modi e modi di dire. Mia figlia è esaurita, cercate di comprendere, è da stamattina”

La risposta del professore non tarda ad arrivare:

“E che dobbiamo comprendere? Deve andare a curare la gente, che dobbiamo comprendere? Li ammazza!”

Non contenta, la madre, dopo aver dichiarato di essere un medico critica il professore per il suo comportamento nei confronti degli studenti, giudicandolo ripetutamente aggressivo e inappropriato.

Il tutto ha fine con la richiesta del docente di poter proseguire gli esami, mentre la madre sembra più che motivata a fare un esposto al rettore dell’Università.

Un episodio singolare, ma che può esserci d’esempio per comprendere quanto sia necessario oltre che dovuto, il rispetto tra un docente e uno studente, in un contesto delicato come quello d’esame cosa che a quanto pare non sempre è presente.

Didattica a distanza
Didattica a distanza

Elena Ciccarone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0