Cos’è la sindrome dell’occhio secco?

Sindrome dell’occhio secco: cosa succede ai nostri occhi quando non indossiamo bene la mascherina? In questa situazione così delicata legata al COVID-19 e con il pericolo sempre più legato alle nuove varianti, più che mai i dispositivi di protezione individuale sono un’arma efficace.

In primis, ovviamente, vi sono le mascherine, che rappresentano un’arma potente di protezione per noi stessi e per gli altri, in quanto se indossate correttamente nelle varie situazioni ci aiutano a prevenire il contagio e la diffusione del virus.
Appunto, se indossate correttamente: un aspetto che spesso viene trascurato, ma che è di estrema importanza per la salute.

Un indosso non corretto, infatti, può non solo annullare l’effetto protettivo, ma portare anche ad altre complicazioni: una di questa è la cosiddetta “sindrome dell’occhio secco”.

Sindrome dell’occhio secco: di cosa si tratta? Da cosa è causata?

sindrome dell'occhio secco
sindrome dell’occhio secco

La sindrome dell’occhio secco è un disturbo oculare, che può avere alla base o una ridotta produzione lacrimale ( meglio nota come ipolacrimia), un’ eccessiva evaporazione lacrimale o ad un’alterata qualità e composizione lacrimale (o dislacrimia). 

Tra i vari sintomi il più comune è senza dubbio il dolore oculare, al quale si affiancano il senso di un corpo estraneo all’interno dell’occhio, rossore, bruciore ed annebbiamento visivo.  Sintomi caratteristici e tipici della zona oculare, ai quali spesso si affiancano anche disturbi alla gola e al seno paranasale, come congestione nasale o sinusite, allergie stagionali, mal di testa.

sindrome dell'occhio secco
sindrome dell’occhio secco

Nel caso in cui tale disturbo oculare sia dovuto ad un’evaporazione lacrimale eccessiva, alla base di tale fenomeno vi possono essere diversi fattori quali:

  • malattie locali (blefariti, congiuntiviti)
  • errato o eccessivo utilizzo di lenti a contatto e/o colliri
  • assunzione di alcuni farmaci , come immunosoppressori, decongestionanti, antistaminici, diuretici, antidepressivi
  • età avanzata

Sindrome dell’occhio secco e mascherine: qual’è il nesso? A cosa prestare attenzione

Una condizione, quella legata della sindrome dell’occhio, che ha subito un netto peggioramento da quando è subentrata la necessità d’indossare le mascherine come mezzo di protezione e prevenzione nei confronti del COVID-19, tanto che si parla sempre più di Mask-associated dry eye’ (MADE).

Infatti l’indosso della mascherina, soprattutto se non corretto, fa sì che il flusso di aria risalga a pressione dalla bocca verso l’occhio, aumentando così la secchezza della superficie oculare. Un fenomeno molto comune nei videoterminalisti, nei portatori di lenti a contatto, nelle donne in menopausa

Per questo è ancora più importante indossare correttamente le mascherine, siano essere chirurgiche o FFP2/FFP3, avendo la premura di coprire bene naso e bocca facendole aderire bene al viso

 

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0