Taylor Swift contro Netflix…di nuovo

Taylor Swift contro Netflix. La cantante ha già un conto aperto con la piattaforma streaming che risale alla messa in onda di Miss Americana, un documentario sulla cantante in cui sono messi in evidenza anche fatti molto personali.

Oggi invece si scaglia contro una battuta contenuta nel nuovo telefilm Netflix “Ginny e Georgia“: in una lite tra madre e figlia quest’ultima grida alla madre “Che vuoi? Cambi fidanzato più velocemente di Taylor Swift”.

La cantante non ci sta e sui social si scaglia contro questa battuta:

“Ehi Ginny & Georgia, ha chiamato il 2010 e vuole indietro la sua battutaccia profondamente sessista”, ha scritto Swift in un tweet. “Perché non la smettiamo di denigrare le donne che lavorano definendo divertenti queste str*nzate?”.

Taylor Swift contro Netflix
Taylor Swift contro Netflix

Taylor Swift contro Netflix per Ginny e Georgia

Effettivamente la battuta non è il massimo, anche perché inserita in un dialogo in cui si vuol fare intendere proprio quello che sembra: se una donna cambia spesso fidanzato, non è una persona seria.

Ora a prescindere dal fatto che sia una serie tv, il messaggio non è dei migliori soprattutto quando attacca una donna che ha una carriera di tutto rispetto. Il numero di fidanzati che cambia, è affar suo.

Taylor Swift contro Netflix
Taylor Swift contro Netflix

È umano che si risenta, sia come persona che come artista e professionista: per una donna il sospetto che arrivi ad alti livelli perché è entrata nel letto giusto, è sempre dietro l’angolo. Una frase del genere può distruggere una reputazione e una carriera in pochi istanti.

Ginny e Georgia un telefilm controverso

La nuova serie Netflix, affronta temi piuttosto importanti: Ginny, la figlia adolescente di Georgia, ha origini sia afro americane, grazie al padre, che bianche per via della madre. Questo colloca la ragazza a cavallo tra due mondi, dovendo spesso fare i conti con il razzismo dovuto al suo aspetto di ragazza con la pelle scura, e la voglia di essere una ragazza senza problemi come le sue amiche americane.

Taylor Swift contro Netflix
Taylor Swift contro Netflix

Al centro delle polemiche uno scambio fra lei e il fidanzato coreano, in cui si gettano addosso tutti gli stereotipi razzisti possibili, evidenziando come essere biracial non sia affatto una cosa semplice.

Stupisce quindi che una serie che tratta temi come questi, e molti altri che non diremo per evitare spoilers, possa scivolare su una battuta sessista e così scontata e di basso livello.

Probabilmente era un tentativo di fare ridere, un momento di leggerezza inserito all”interno di una lite ma è riuscito parecchio male.

Taylor Swift contro Netflix sembra essere solo all’inizio: come finirà questa vicenda? Voi che ne pensate?

 

Tania Carnasciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0