Nel 2027 ci sarà il primo hotel nello spazio con vista Terra

Il primo hotel nello spazio si chiamerà Voyager Station ed è il progetto ambizioso di Orbital Assembly Corporation (OAC).

La società, fondata nel 2018 dalla Gateway Foundation, sta cercando investitori: al momento, ha raccolto un milione di dollari ed ha lanciato in rete il video del progetto e le prime foto di interni ed esterni.

Il primo hotel nello spazio - politically uncorrect
Il primo hotel nello spazio – politically uncorrect

La costruzione è prevista per il 2025 e il primo hotel nello spazio sarà operativo nel 2027 e offrirà ai suoi ospiti la spettacolare vista della Terra a 400 km. L’hotel nello spazio sarà un grande cerchio orbitante intorno alla Terra con spa, bar, cinema, ristoranti e moduli abitativi, in cui la gravità (un sesto di quella terrestre) verrà simulata dalla rotazione della stazione impostandola a un livello simile a quella sulla Luna.

L’hotel del futuro potrà ospitare 400 clienti, tra turisti, scienziati e astronauti, e prevede oltre 11.600 m2 di spazio abitabile, composto da stanze private, bar, ristoranti, palestre, sale per i concerti e altri spazi ricreativi. Al suo interno, gravità artificiale.

Saranno accessibili anche ville da 500 m2. Ovviamente la OAC intende proporre i moduli abitativi anche alle agenzie spaziali – come la NASA e l’ESA – per i loro esperimenti. Complessivamente ne sono previsti 24 ma la OAC non ha ancora divulgato quanto intende far pagare per accedere alla Voyager Station.

Le prime immagini diffuse mostrano il progetto sia degli interni che degli esterni, tra cui ovviamente spicca la foto relativa alla finestra panoramica che offre una panoramica a tutto tondo ed è il cuore centrale dell’intera costruzioni.

Il primo hotel nello spazio sarà diviso in 3 moduli: uno centrale, uno per l’equipaggio e uno per i privati  e, una volta terminato l’assemblaggio, si aggancerà alla Stazione Spaziale Internazionale.

Foto interni. Il primo hotel nello spazio - politically uncorrect
Foto interni. Il primo hotel nello spazio – politically uncorrect

Prima di iniziare i lavori, OAC condurrà un test con un prototipo (un anello con un diametro di 61 m) che sarà lanciato in orbita su scala minore per valutare la simulazione della gravità e collaudare la costruzione generale. Un robot specializzato si occuperà di assemblare la travatura reticolare direttamente in orbita: può costruire una sezione lunga circa 90 m in meno di un’ora e mezza.

Secondo John Blincow, fondatore della Gateway Foundation, questa si tratta della “prossima rivoluzione industriale“.

Foto interni. Il primo hotel nello spazio - politically uncorrect
Foto interni. Il primo hotel nello spazio – politically uncorrect

Resa fattibile anche dai costi di costruzione che stanno diventando sempre più economici grazie a veicoli di lancio riutilizzabili come SpaceX Falcon 9 e la futura Starship. Per molti anni il costo di lancio nello spazio è stato di 8mila dollari per chilogrammo in orbita, ma con SpaceX si è passati a 2mila dollari e si prevede che si arriverà a poche centinaia di dollari.

Ovviamente la particolarità di questo hotel nello spazio è che, oltre ad avere un panorama mai avuto prima nella storia dell’uomo, consentirà di fare il giro del mondo ogni 90 minuti.

Dopo il lancio su Marte di Perseverance, questo è senza dubbio un altro grande passo avanti nel mondo del futuro.

 

Silvana Uber

Vicepresidente di una casa editrice nel triveneto, scrittrice per Leonida Edizioni, Eracle Editore, Titani edizioni e talent scout per autori emergenti. Mamma, amante dell'Africa... e del prosecco!

2 thoughts on “Nel 2027 ci sarà il primo hotel nello spazio con vista Terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0