I Maneskin trionfano a Sanremo 2021

I Maneskin vincono il Festival di Sanremo 2021 con la loro “Zitti e Buoni“. Medaglia d’argento alla coppia Fedez- Francesca Michielin, mentre Ermal Meta, dall’inizio grande favorito della kermesse, si è aggiudicato il terzo posto.

Maneskin: da X Factor all’ Ariston (e oltre)

La band romana (il cui nome significa “chiaro di luna” in danese) nasce nel 2015 dall’incontro tra la bassista Victoria De Angelis, di origine italo-danese (classe 2000) e il chitarrista Thomas Raggi (classe 2001) ai quali si aggiungono in seguito il cantante e leader Damiano David (classe 1999) e infine, il batterista Ethan Torchio (classe 2000). Dopo i primi anni ad esibirsi nelle piazze e nei borghi della loro città, nel 2017 arriva una prima grande occasione per far conoscere il loro genere, il loro stile : X Factor.

Dalla prima audizione conquistano pubblico e giudici, rapiti dalla loro freschezza ed ecletticità, seppur ancora “acerba” , tanto che Manuel Agnelli li sceglie immediatamente per la sua squadra da portare ai live, dove grazie anche alle scelte azzeccate dei pezzi, i Maneskin si aggiudicano il secondo posto.

Da allora la strada per la rock band sembra essere spianata tanto che nel giorno di appena un anno il loro primo album Chosen, contenente il brano omonimo che li ha lanciati al successo, conquista il doppio disco di platino dopo pochissimo tempo.

Una vera e propria consacrazione per la band, che conquista gli adolescenti e non solo.

Il 2018 rappresenta l’anno della consacrazione per i Maneskin, tra musica e partecipazioni a vari eventi e programmi televisivi, da “Che Tempo che fa” ai Wind Music Awards dove l’album Chosen riceve altri due importanti riconoscimenti, fino alla loro performance d’apertura al concerto degli Imagine Dragons il 6 settembre 2018 a Milano.

Anno di eventi ma anche di grandi singoli per Damiano e compagni (da Morirò da re a Torna a casa)  del primo album inciso in studio :  Il ballo della vita.

Un album a cui fa seguito un tour promozionale internazionale senza precedenti, che si estende anche all’estate 2019 fino al mese di settembre.

Nel 2020, poco dopo l’uscita dell’ultimo singolo Vent’anni, viene annunciata la loro presenza al Festival di Sanremo 2021, con il brano  “Zitti e buoni” (che anticipa l’uscita del nuovo album “Teatro d’ira Vol. 1” disponibile dal 19 marzo )

terza serata
terza serata

Un con il quale iniziano una gara piena di consensi, che di serata in serata (indimenticabile il duetto con il loro ex coach ad X Factor Manuel Agnelli) li porta poi alla vittoria.

Maneskin e “Zitti e Buoni” : cosa c’è dietro?

Maneskin
Maneskin

Un brano pieno di ribellione ed energia, come raccontato da Damiano e compagni in un’intervista:

“La nostra non è una rabbia nei confronti di qualcuno, ma un’ira che smuove, che crea le rivoluzioni, un’ira catartica rivolta alle oppressioni e agli oppressori, che porta a sfogarsi e a ribellarsi verso tutto ciò che ti fa sentire sbagliato e che, come risultato, porta a una rinascita e a un cambiamento.

Abbiamo voluto collocare questa forza molto potente in un contesto, quello del teatro, che nell’immaginario comune viene percepito come elegante e pacato.

Ci piace questa antitesi: un contrasto che vive nel momento in cui il sipario si apre e, al posto di uno spettacolo o di un balletto, ci si ritrova catapultati in questa esplosione di energia. Il teatro è una metafora a rappresentare l’arte, il luogo dove questo impulso potente genera qualcosa di artistico e positivo”.

Maneskin
Maneskin

Una ribellione che più che mai in questo periodo caratterizza la loro generazione e non solo, e forse è stata anche questa l’arma vincente con il quale di serata in serata Damiano, Victoria, Thomas ed Ethan hanno conquistato la giuria e il pubblico, oltre che con la loro potenza vocale e musicale, portando sul palco dell’Ariston, come da loro stessi dichiarato “un tipo di musica e sonorità che non deve essere relegato alle nicchie o a piccoli club marci ma si può portare anche su palchi televisivi molto importanti, appunto come quello del Festival”

 

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0