Usa, Arna Kimiai è stata arrestata per aver tossito senza mascherina

È accaduto a San Francisco. Una donna, Arna Kimiai è stata arrestata e rischia fino a 16 anni di prigione e una multa di 3mila dollari, per aver tossito in faccia a un autista Uber. Un’altra ragazza lì presente, lo ha aggredito con lo spray al peperoncino. Anche lei è stata arrestata.

Arna Kimiai è stata arrestata: L’accaduto

Il 7 marzo, l’autista di Uber Subhakar Khadka ha fatto salire a bordo tre clienti. Solo dopo, si è accorto che una delle ragazze non indossava la mascherina e ha detto loro che non poteva proseguire finché non l’avesse indossata. Da qui è esplosa una discussione. La donna, Arna Kimiai, ha tossito in faccia all’autista, cercando di strappargli il telefono dal cruscotto per poi rompergli la mascherina.

Una volta fuori dall’auto, una delle donne presenti durante l’accaduto, Malaysia King, ha spruzzato dentro al finestrino aperto spray al peperoncino, colpendo l’autista in pieno volto.

Per concludere l’intera vicenda, tutte e tre ragazze hanno aggredito e rivolto insulti razzisti all’autista, di origine nepalese.

Ma ci sono anche delle buone notizie.

Due delle tre clienti sono state identificate dalla polizia. Una in particolare, Arna Kimiai è stata arrestata e processata per diversi reati gravi, tra cui aggressione, odio razziale e mancato rispetto delle norme sanitarie.

Anche Malaysia King, è stata arrestata. Le accuse sono di aver aggredito l’uomo con “una sostanza chimica caustica e di aver procurato percosse” oltre alla conseguente violazione delle leggi sulla salute e la sicurezza della città.

Le regole in vigore a San Francisco per aiutare a prevenire la diffusione del Covid-19 prevedono “l’obbligo di mascherina per coprire la bocca e il naso” quando ci si trovi entro 2 metri da qualcuno che non è un membro della propria famiglia e quando si fa uso di “trasporto pubblico o commerciale”.

Si spera, che questo spiacevole episodio sia motivo di comprensione e crescita per tutti coloro che ogni giorno si spostano per lavoro o motivi di salute, a piedi o attraverso mezzi pubblici o privati, per essere più uniti nella lotta contro questa incessante pandemia.

Arna Kimiai
Arna Kimiai

Elena Ciccarone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0