Frontiera messicana: Kamala Harris se ne occuperà per conto di Biden

La frontiera messicana verrà gestita da Kamala Harris: Joe Biden le ha affidato il difficile problema dei minori abbandonati all’entrata degli Stati Uniti.

Come accade spesso, i minori vengono mandati nel nuovo Paese con la speranza che poi i genitori possano ricongiungersi con loro e ottenere così un permesso di soggiorno.

Sono migliaia le persone che ogni giorno tentano di varcare la frontiera statounitense, attirate da una vita migliore e lontana dai problemi del centro America.

Frontiera messicana: stanziati soldi per risolvere il problema

Frontiera messicana
Frontiera messicana

L’amministrazione Biden ha già in programma di destinare fondi al centro America per risolvere il problema dell’immigrazione incontrollata.

Purtroppo questa non è una soluzione: i problemi della povertà estrema, dei Narcos, di popolazioni abbandonate a loro stesse non si possono risolvere con i fondi americani.

Le città di confine sono territorio fertile per i Narcos, come Reynosa città al confine con il Texas in cui la malavita regna sovrana. Per passare il confine vengono richiesti ai migranti fior fior di soldi, e spesso le promesse non vengono mantenute.

I Narcos hanno da tempo messo le mani sull’immigrazione, stanziandosi nelle città di confine con il preciso scopo di aumentare le loro entrate. Considerando l’alto tasso di corruzione messicano, i dubbi che i soldi stanziati da Biden finiranno nelle tasche sbagliate sono quasi certezze.

Frontiera messicana in mano a Kamala Harris: onore o patata bollente?

Frontiera messicana
Frontiera messicana

Sappiamo benissimo che la frontiera messicana è da sempre un grosso problema per gli Stati Uniti: tra i Narcos che hanno in mano il traffico, le persone che vengono pagate per nascondere nelle proprie auto migranti, e le migliaia di  tentativi quotidiani di entrare a far parte del sogno americano, la frontiera messicana è un problema spinoso.

Trump voleva risolverlo con in muro che sarebbe costato milioni di dollari, Biden vuole provare con finanziamenti ai governi per risolvere la cosa. Ma il vero problema restano i minori che passano anche 10 giorni in isolamento in attesa di identificazione e decisione sul loro futuro.

Si tratta spesso di bambini o ragazzini, che vengono mandati in avanscoperta per poi fare da ponte con i genitori. Anche qui però la mano dei Narcos è sempre in agguato: può succedere che i minori spariscano nel nulla, che nessuno sappia più che fine fanno.

Riappaiono dopo anni come appartenenti alla malavita, attirati dalla possibilità di fare tanti soldi, di essere qualcuno e di poter finalmente aiutare la famiglia. Nessuno dice loro che la contropartita è altissima, che in gioco c’è la loro stessa vita e che non è come nei telefilm o nei videogiochi in cui i Narcos vincono sempre.

Frontiera messicana
Frontiera messicana

La realtà è molto più crudele, perché il problema minore è essere arrestati o finire in galera, mentre quello più grande è trovarsi in una lotta contro le bande rivali e qui si perde la vita.

La frontiera messicana sarà un grosso problema per l’amministrazione Biden-Harris, perché Trump l’ha lasciata in condizioni tali che il suo successore avrebbe solo potuto fallire. Biden ha messo in chiaro che Kamala Harris parlerà per lui, che questo è un impegno che si prende personalmente attraverso il suo braccio destro, ma quello che ci chiediamo è se verrà affrontato nel modo giusto. Non ci resta che stare a guardare.

Tania Carnasciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0