Latitante mafioso arrestato nei Caraibi: aveva un canale YouTube di cucina

Latitante mafioso arrestato ai Caraibi: sono finiti i tempi in cui i latitanti si nascondevano sottoterra durante le retate. Oggi vanno in giro per il mondo, in fondo sono affaristi (di dubbia reputazione) e hanno contatti ovunque.

Marc Ferent Claude Biart, è latitante da anni: appartenente alla ‘Ndrangheta, è accusato di traffico di droga dall’Olanda, poi vari capi di accusa di omicidi, violenze e tipici comportamenti mafiosi.

Da 5 anni viveva in Repubblica Dominicana, dove conduceva una vita tranquilla, mantenendo un basso profilo e non avendo contatti con la comunità italiana. Non si sa mai, qualcuno avrebbe potuto riconoscerlo.

L’uomo però non ha resistito alla voglia di apparire, e questo gli è costato la libertà.

Latitante mafioso arrestato: galeotto fu YouTube

Latitante mafioso arrestato
Latitante mafioso arrestato

La cucina italiana nel mondo è rinomata, e molti connazionali espatriati ne sentono la mancanza. Internet è pieno di video in cui mostrano come cucinare alla perfezione piatti tipici della tradizione, e il latitante mafioso arrestato non ha resistito al richiamo dei social.

L’uomo ha aperto un canale YouTube, in cui metteva a frutto la sua esperienza di ristoratore (lavoro svolto in passato). Io nome che figurava come titolare del canale, però era quello della moglie, e gli agenti che lo stavano cercando da anni si sono insospettiti per l’intensa attività della donna.

Il latitante mafioso stava bene attento a non farsi riprendere in volto mentre cucinava, ma non ha calcolato i visibili e riconoscibili tatuaggi. Così è stato inchiodato ed arrestato a Boca Chica.

Latitante mafioso arrestato
Latitante mafioso arrestato

D’altronde si sa, quando non puoi fare altro che stare in casa e goderti un panorama mozzafiato, i social diventano un possibile strumento di lavoro. Ma se sei un latitante mafioso, con mezzo mondo alle calcagna e per di più con tatuaggi riconoscibili, magari organizzati meglio.

Latitante mafioso arrestato: secondo dirò colpo al crimine organizzato

Qualche mese fa era stato arrestato un altro latitante mafioso, Francesco Pelle in Portogallo mentre era ricoverato per Covid in un ospedale di Lisbona.

Latitante da 14 anni, è stato condotto a n Italia per il processo, così come Biart che è già stato estradato a Milano. Il canale YouTube è stato chiuso subito dopo l’arresto.

Tania Carnasciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0