Sparatorie negli Usa: due solo nelle ultime 24 ore

Continuano le sparatorie negli Usa, l’ultima è avvenuto a Orange County, California, e ha un bilancio di 4 vittime tra cui in bambino.

I feriti solo diversi, sembra che tra loro ci sia anche l’attentatore. Nelle stesse ore un’altra sparatoria si svolgeva a Washington, nei pressi della stazione della metropolitana. Ancora nessun fermo, si ignora chi abbia fatto fuoco. Il bilancio è di 4 feriti di cui 2 molto gravi.

Sparatorie negli Usa riprese dopo il lockdown

Sparatorie negli Usa
Sparatorie negli Usa

Nel 2020 non so erano registrate sparatorie, la tranquillità è finita il 23 marzo con la follia di un uomo in Colorado in cerca di asiatici da colpire. E ne ha trovati purtroppo.

Siamo ormai abituati a sentire notizie di sparatorie negli Usa, ma questa situazione non ha niente di normale: da anni il controllo della vendita delle armi è un discussione, ma nessuno ha preso una decisione definitiva.

Negli Stati Uniti acquistare un’arma da fuoco è semplicissimo, tanto che anche ragazzi molto giovani riescono ad accedervi senza troppi problemi. Molti si appellano all’emendamento che consente la difesa del territorio, ma questa spesso è solo una scusa.

Un conto è tenere armi da difesa, ben nascoste, o da caccia, altro è riuscire a comprare veri e propri armamenti senza troppi controlli.

Le sparatorie negli Usa, generalmente, sono o casuali o dovute ad un forte risentimento dell’autore nei confronti delle proprie vittime, ritenute colpevoli del proprio stato di malessere.

Sparatorie negli Usa: il clima è sempre più pesante

Sparatorie negli Usa
Sparatorie negli Usa

Oltre alle sparatorie casuali, quella di ieri in California è avvenuta in un supermercato, a preoccupare la popolazione c’è anche il forte clima di odio contro gli asiatici.

Si stanno infatti moltiplicando gli attacchi a persone di origine asiatica, ritenuti colpevoli di aver portato nel mondo il Corona virus e la pandemia.

La comunità asiatica sta vivendo un momento di forte paura, poiché vengono attaccati per strada all’improvviso da sconosciuti. Le vittime in genere sono persone anziane, attaccate a calci e pugni mentre stanno facendo una fila o camminando per strada.

Speriamo che l’amministrazione Biden riesca a controllare sia il triste fenomeno felle sparatorie negli Usa, che questa crescente ondata d’odio che unite non porteranno niente di buono.

Tania Carnasciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0