Benjamin Netanyahu: il premier israeliano sotto accusa

Benjamin Netanyahu sotto accusa. Il premier israeliano, stando a quanto affermato da un procuratore durante il processo per corruzione nel quale è coinvolto, avrebbe “fatto uso illegittimo” del suo potere costituzionale.

Benjamin Netanyahu sotto accusa: perchè?

Netanyahu sotto accusa
Netanyahu sotto accusa

Un’altra tegola pesante per il premier israeliano, che negli ultimi mesi non è riuscito a riconfermarsi alle elezioni, motivo che l’ha spinto ad incontrare i parlamentari per chiedere chi appoggiano. Una non elezione che non è riuscito a porre fine al lungo periodo di stallo politico che ha portato a quattro elezioni in due anni.

Al momento il premier è coinvolto in tre processi, ribattezzati casi 1,000, 2,000 e 4,000. Il primo caso vedrebbe coinvolti, oltre a Benjamin Netanyahu, Arnon Milchan, un produttore cinematografico israeliano di Hollywood, e James Packer, un miliardario australiano.

Netanyahu sotto accusa
Netanyahu sotto accusa

L’accusa a carico del premier israeliano, stando alle parole del procuratore Avichai Mandelblit è quella di “aver ricevuto vari beni dagli uomini d’affari, principalmente scatole di sigari e casse di champagne”. Inoltre Netanyahu avrebbe agito “a beneficio di Milchan nell’ambito dei suoi ruoli ufficiali” tra il 2011 e il 2016.

Netanyahu sotto accusa
Netanyahu sotto accusa

Il caso ribattezzatto “2,000” riguarderebbero invece, gli incontri tra Netanyahu e Arnon Mozes, un uomo d’affari e azionista di controllo del gruppo mediatico Yedioth Ahronoth, che si sarebbero tenuti nonostante, stando alle parole del procuratore, tra il leader israeliano e il magnate vi sia sempre stata “una profonda rivalità”.

Rivalità che a quanto pare sarebbe stata accantonata per promuovere gli interessi comuni: da una parte migliorare la copertura che il signor Netanyahu ha ricevuto nel gruppo mediatico Yedioth Ahronoth; e l’imposizione di restrizioni al quotidiano Israel Hayom, che era di significativa importanza economica per lo stesso signor Mozes e per il gruppo Yedioth Ahronoth

Netanyahu sotto accusa
Netanyahu sotto accusa

Il terzo caso che vedrebbe Netanyahu sotto accusa è quello ribattezzato caso “4,000”: il premier israeliano, il quale ha ricoperto la carica di ministro delle comunicazioni dal 2014 al 2017 – avrebbe stipulato un  “accordo di reciprocità” con Shaul Elovitch, l’azionista di controllo della più grande società di telecomunicazioni israeliana Bezeq. Le accuse sono di corruzione, frode e violazione della fiducia.

Benjamin Netanyahu sotto accusa: la difesa del premier israeliano

Netanyahu sotto accusa
Netanyahu sotto accusa

Accuse, quelle dei tre processi, che il premier israeliano ha negato totalmente, definendo tutto questo una “caccia alle streghe” da parte dei suoi oppositori politici, e ha promesso di riabilitare il suo nome.

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0