Controllo delle armi: Biden vuole la svolta

Proprio in questi momenti si sta svolgendo la diretta del Presidente Biden in merito al controllo sulle armi.

Il Presidente ha detto che la violenza da armi da fuoco è un’epidemia negli Stati Uniti, e purtroppo non si può dargli torto.

Solo nell’ultimo mese sono avvenute almeno 7 sparatorie, tutte quante hanno lasciato vittime innocenti in posti qualsiasi: centri massaggi, supermercati, cinema, luoghi di lavoro.

La lista è lunghissima, e Biden punta sull’emozione: “chiunque purtroppo sa cosa significhi perdere qualcuno per una sparatoria”. È il momento di agire e Biden lo sa.

Controllo delle armi in linea con la Costituzione

Controllo delle armi
Controllo delle armi

Il Presidente Biden chiama in causa il secondo emendamento, che sancisce il diritto di armarsi per difendere il proprio territorio, e ribadisce che non è scolpito nella pietra e che ogni modifica verrà attuata nel pieno rispetto della carta fondamentale.

Allo stesso tempo, Biden, elenca tutte le conseguenze delle morti o ferimenti a seguito di sparatorie:

– costi assicurativi

– costi produttivi

– costi di riabilitazione

– costi per le prigioni

Il Presidente mette al primo posto le conseguenze psicologiche per chi è costretto a convivere in ambienti violenti, puntando l’attenzione sui bambini.

Controllo delle armi
Controllo delle armi

Inoltre Biden aggiunge un fatto importantissimo: il 60% degli uomini di colore tra i 15 e i 34 anni, viene ucciso da colpi di arma da fuoco. Generalmente questo avviene in ambienti in cui la violenza la fa da padrone, per cui cosa ha in mente di fare?

Per quanto riguarda la vendita legale di armi, è intenzionato a fare si che su ogni arma venga posto un numero di serie tracciabile in modo che si possa risalire a chi ha sparato.

Per quanto riguarda la vendita illegale, sarebbe intenzionato a potenziare le indagini per bloccare questo mercato di morte e fare si che diventi sempre più difficile trovare un’arma.

Red flag law: una legge, triplice protezione

Questa legge è attuabile al momento solo in alcuni Stati, ma non tutti sanno che esiste. Il Presidente Biden vorrebbe estenderla al territorio nazionale, tanto che chi ha basato buona parte della campagna elettorale.

In cosa consiste la Red Flag Law? Ogni cittadino o poliziotto, può chiedere alla corte cittadina di togliere le armi da una casa in cui sia presente un soggetto violento o con problemi.

Un giudice emetterà una sentenza che predisporrà di togliere le armi per un periodo determinato dalla casa in questione.

In questo modo si combattono: la violenza domestica, poiché molte donne vengono uccise dai propri compagni a colpi di pistola; i suicidi che ogni anno aumentano esponenzialmente, un familiare o un vicino della persona con problemi può chiedere al giudice che ogni arma venga tolta dalla sua casa; e infine le sparatorie casuali che ormai purtroppo sono diventate un pericolo sempre più concreto.

Non è più ammissibile morire per essere andati a comprare delle patatine, o per essere nel posto sbagliato al momento sbagliato. Finalmente un Presidente che sembra prendere sul serio il controllo delle armi negli Stati Uniti. Staremo a vedere che cosa succederà.

 

 

 

Tania Carnasciali

2 thoughts on “Controllo delle armi: Biden vuole la svolta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0