Frontiera con il Messico: il dramma dei minori non accompagnati

La frontiera con il Messico è uno dei punti deboli degli Stati Uniti: migliaia di persone ogni giorno tentano di passarla, e molte persone con la doppia cittadinanza si trasformano in coyote, ossia trasportano illegalmente messicani tramite il confine.

I controlli sono sempre più serrati, e una delle maniere piú efficaci per varcare il confine è mandare avanti i figli minori. Li si affida a qualcuno, o se sono abbastanza grandi si mandano da soli verso il confine.

Minori non accompagnati: un bambino di 10 anni trovato per strada

Minori non accompagnati
Minori non accompagnati

È accaduto ieri: un bambino di 10 anni è stato trovato da solo mente si dirigeva verso il confine con gli Usa. Il piccolo piangeva ed era impaurito.

Ha raccontato di essere partito insieme ad un gruppo di persone, che poi lo hanno abbandonato. Più presumibilmente lo hanno accompagnato finché hanno potuto per poi lasciarlo nei pressi del confine.

Di fatto sono migliaia i minori non accompagnati che rimangono nelle strutture preposte in attesa di sviluppi della loro condizione.

Che fine fanno i minori non accompagnati negli Usa?

Non vengono rimandati dalle loro famiglie, perché si considera che non possano prendersene cura in maniera adeguata. Per questo vengono o affidati ad eventuali parenti negli Usa, oppure finiscono sotto la tutela dei servizi sociali.

Nel primo caso per i genitori che vogliono ricongiungersi la situazione è più semplice, anche se resta il fatto che vengono accusati di abbandono. Nel secondo, invece, le cose sono molto più complicate perché decade la potestà genitoriale a seguito dell’abbandono, e i figli vengono adottati da altre famiglie o rimangono nelle strutture che li ospitano, ma ricongiungersi, in questi casi, è molto difficile.

Minori non accompagnati
Minori non accompagnati

Il problema dei minori non accompagnati, è sempre più grande: da buona parte del centro e del Sudamerica, si punta agli Stati Uniti come terra delle grandi occasioni e come riscatto dopo le angherie subite nella propria terra di origine.

Questo ha portato Biden a voler affrontare seriamente il problema ponendo Kamala Harris a capo della questione frontiera con il Messico. L’amministrazione attuale vuole rendere gli Stati Uniti un posto migliore, e questo prevede anche arginare le rotte migratorie spesso gestite dai Narcos.

 

Tania Carnasciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0