Vaccino cinese della Sinovax poco efficace: arriva la conferma

Il vaccino Coronavac presenta una scarsa efficacia nel contrastare l’infezione da COVID-19: a confermarlo le stesse autorità cinesi.  Il vaccino prodotto dall’azienda Sinovac, secondo gli studi di un team di ricercatori brasiliani, avrebbe infatti un’efficacia nella prevenzione dei contagi fino al 50,4%. Risultati che erano già emersi a dicembre 2020, ma di cui le autorità cinesi hanno fino ad oggi negato la visione.

vaccino Coronavac
vaccino Coronavac

Dati che stridono con quelli registrati dallo stesso team di ricerca dell’ Istituto Butantan nella regione di San Paolo  all’inizio della sperimentazione, avvenuta anche  in Cile, Indonesia e Turchia.: nella fase I,infatti, il vaccino Coronovac aveva registrato un’ efficacia del 78% nella prevenzione delle forme lievi di Covid-19 e al 100% in quella delle forme moderate e gravi

Vaccino Coronavac: caratteristiche

vaccino Coronavac
vaccino Coronavac

Il vaccino  prodotto dalla ditta farmaceutica Sinovac, contrariamente agli altri vaccini attualmente usati (Pfitzer, Moderna o AstraZeneca), costituiti da mRNA che fornisce le “istruzioni” per sintetizzare la proteina Spike, verso la quale di sviluppa la risposta immunitaria, è un vaccino costituito dal microroganismo patogeno (Sars-CoV-2) inattivato chimicamente.

vaccino Coronavac
vaccino Coronavac

Tale inattivazione fa sì che il virus non sia in grado di dare la malattia, ma esclusivamente di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi.

Vaccino Coronavac poco efficace: la risposta della Cina

vaccino Coronavac
vaccino Coronavac

Immediata la risposta Chengdu Gao Fu, il direttore dei Centri per il controllo delle malattie in Cina il quale avrebbe confermato durante una conferenza stampa come “i vaccini cinesi non hanno tassi di protezione molto alti”, illustrando le prossime mosse delle autorità sanitarie cinesi:

“Ora stiamo formalmente considerando se usare diversi vaccini per il processo di immunizzazione”

Lontana l’ipotesi di ricorrere a vaccini provenienti dall’estero, lo stesso Gao Fu non esclude la possibilità di ricorrere a vaccini ad mRNA da mixare allo stesso Coronovac:

“Tutti devono considerare i benefici che i vaccini a mRNA possono portare all’umanità” 

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0