Social sospesi in Pakistan: che succede?

Social sospesi in Pakistan a causa delle proteste anti francesi: dal 12 aprile le proteste nel Paese sono in aumento.

Tutto è iniziato con l’arresto di un attivista che chiedeva l’espulsione dell’Ambasciatore francese: la Francia è ritenuta colpevole di aver pubblicato vignette satiriche sul profeta Maometto.

Come sappiamo l’islam proibisce categoricamente di rappresentare il profeta, soprattutto in maniera satirica.

Sospesi i social in Pakistan a causa delle violenze

Social sospesi in Pakistan- Politically Uncorrect
Social sospesi in Pakistan- Politically Uncorrect

Dopo questi fatti, svoltisi a novembre, molti ferventi credenti, hanno iniziato a manifestare contro la Francia ed i francesi tanto che Macron ha chiesto ai connazionali che vivono là di lasciare il Paese per sicurezza.

Le proteste degli ultimi giorni si sono dimostrate violente e sempre più invasive, tanto che i sono stati sospesi i social in Pakistan fino a venerdì per evitare divulgazioni.

I manifestanti hanno bloccato le autostrade, invaso le città e chiedono sia l’espulsione dell’Ambasciatore francese che il boicottaggio dei prodotti di origine transalpina.

Si contano morti e feriti gravi a seguito di scontri con la polizia.

Tania Carnasciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0