Alexei Navalny in fin di vita nel carcere Ik-2

Alexei Navalny rischia la vita. Ad affermarlo è la sua portavoce Kira Yarmish, la quale ha dichiarato come in ogni momento “rischi l’arresto cardiaco e problemi gravi della funzione renale”

Navalny attualmente sta scontando la pena detentiva di tre anni (pena ridotta a 2 anni e 8 mesi in quanto sono stati tolti i 10 mesi di arresti domiciliari scontati in Germania dallo stesso attivista)

Alexei Navalny rischia la vita: la storia del dissidente

Alexei Navalny rischia la vita
Alexei Navalny rischia la vita

Alexei Navalny è considerato uno dei principali dissidenti del presidente Vladimir Putin, ed è passato alle cronache mondiali per essere stato vittima nell’agosto 2020 di un avvelenamento con il gas nervino, mentre si trovava a bordo dell’aereo S7 Airlines diretto a Mosca.

Immediatamente ricoverato dapprima nella capitale russa, il giorno successivo, dopo varie controversie viene portato in una clinica specialistica di Berlino,in Germania dove il 2 settembre viene confermato l’avvelenamento con il Novichok, agente nervino già utilizzato per avvelenare un altro dissidente, la spia Sergej Skripal, due anni prima.

Alexei Navalny rischia la vita
Alexei Navalny rischia la vita

Il 17 gennaio di quest’anno, Navalny al rientro dalla Germania, viene immediatamente arrestato dalla polizia russa e portato sotto processo: l’accusa è la violazione della pena domiciliare inflittagli per il caso Yves Roche. Il 2 febbraio arriva la condanna a 3 anni, che verrà in seguito ridotta a 2 anni

Una detenzione, quella di Navalny, che provoca immediato sdegno e indignazione in tutta la Russia, tanto da scatenare numerose proteste che si protraggono per giorni e che vedono coinvolti anche diversi collaboratori del blogger e la moglie Julia, la quale viene dapprima arrestata ma poi rilasciata e tenuta sorvegliata dagli agenti federali russi.

Recentemente, Navalny è stato convocato nuovamente in tribunale per rispondere alle accuse di diffamazione a suo carico nei confronti di un ex veterano della seconda guerra mondiale.

Alexei Navalny rischia la vita: la situazione attuale 

Alexei Navalny rischia la vita
Alexei Navalny rischia la vita

Attualmente Navalny è detenuto presso carcere Ik-2 di Vladimir, una colonia penale non lontana dalla città di Mosca, dove sarebbe stato trasferito in segreto il 25 febbraio scorso.

Un luogo, che alcuni ex detenuti definiscono “il nulla”, dove non è possibile ricevere visite dai propri cari e dove anche un semplice strumento di cura della persona, come un rasoio diventa strumento di tortura, parte di un vero e proprio processo di “disumanizzazione”.

Alexei Navalny rischia la vita
Alexei Navalny rischia la vita

Parole che hanno trovato conferma anche dallo stesso Navalny in un suo post Instagram, dove si mostra con la testa rasata a zero, e che definisce la sua condizione “una cosa alla 1984 di Orwell, l’educazione attraverso la disumanizzazione”

Negli ultimi giorni, le condizioni di Alexei Navalny sarebbero notevolmente peggiorate, a seguito dello sciopero della fame indetto dallo stesso blogger russo per protesta nei confronti delle condizioni di vita disumane della colonia penale in cui è stato lasciato. Condizioni che la moglie Yulia ha definito come una “vendetta di Putin”.

Una situazione estremamente delicata, in quanto a causa di una concentrazione eccessiva di potassio nel sangue, Alexei Navalny rischia la vita, anche a seguito delle conseguenze legate al suo recente avvelenamento come hanno fatto sapere i suoi medici.

Gli stessi, per questo motivo, chiedono di poter vedere immediatamente l’oppositore che deve essere visitato immediatamente anche alla luce dei  suoi esami del sangue.

Un appello quello di “assistenza immediata” ad Alexei Navalny, che è arrivato anche da diverse celebrities e non solo, che hanno inviato una lettera aperta a Vladimir Putin, al quale si è rivolto anche il presidente USA Joe Biden, che ha definito “totalmente ingiusto” il trattamento riservato al blogger ed attivista russo.

 

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0