Napoli. Per la prima volta una balena grigia nuota nelle acque italiane

(Politically un-correct) – NAPOLI, 18 aprile 2021 –  il primo avvistamento di una balena grigia nelle acque nazionali.

Secondo i biologi dell’istituto Tethys sarebbe un esemplare di balena appena svezzato, lungo appena 7/8 metri di circa 6 mesi di età. E lo dimostrano anche i vari video postati sui social in cui viene ritratto questo “cucciolo di balena” mentre gioca con lo scafo delle navi senza mostrare alcun timore (tipico degli esemplari adulti) verso la specie umana, lasciandosi persino accarezzare da alcune persone che hanno avuto la fortuna di navigarle accanto per un breve tratto. (QUI il video)

Balena grigia avvistata a Napoli
Balena grigia avvistata a Napoli

La balena grigia costituisce una specie molto rara, che vive nell’Oceano Pacifico orientale. Quali cause l’hanno spinta nelle acque di Napoli?

Scartata l’ipotesi che abbia, alla sua tenera età, nuotato dal Pacifico fino nelle acque nazionali.

Nel Pacifico i piccoli di balena grigia nascono in inverno, al Sud, e migrano in primavera verso l’Alaska, dove trascorreranno l’estate a mangiare. Un piccolo di quest’inverno quindi non avrebbe avuto il tempo di arrivare fino a Napoli attraversando il polo.

Prende sempre più piede quindi l’idea che questo esemplare di balena grigia sia nata nell’Atlantico, un’ipotesi che apre una timida speranza di un ripopolamento in questo Oceano da parte di questa specie protetta.

L’esperta Mussi: “Ora deve trovare un’area dove possa nutrirsi”. Le regole da rispettare in caso di incontro ravvicinato: “Non accarezzare eccessivamente l’animale”

Il cetaceo, nelle prime ore del mattino, si trovava nelle acque della Penisola Sorrentina ed è stato repentinamente segnalato dalle strutture dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella.

Tempestivo sia l’intervento da parte della Guardia costiera che ha allontanato le navi dal percorso del cetaceo, frapponendosi tra quest’ultimo e la costa, sia da parte della Direzione Marittima della Campania che ha disposto l’invio in area dei propri mezzi nautici per garantire la rara attività di osservazione dell’esemplare e quello di favorirne il naturale percorso.

Ciò che sulle prime ha turbato gli esperti è che questo esemplare di balena grigia solitamente non filtra il plancton dall’acqua, come le balenottere comuni del Mediterraneo, ma setacciano piccoli crostacei e altri animali dal fango sul fondale.

Verso le 14.40 l’esemplare di balena grigia ha preso il largo, immergendosi in località Punta Pennata in direzione Canale di Procida. (Politically un-correct).

 

Silvana Uber

Vicepresidente di una casa editrice nel triveneto, scrittrice per Leonida Edizioni, Eracle Editore, Titani edizioni e talent scout per autori emergenti. Mamma, amante dell'Africa... e del prosecco!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0