Russia in procinto di ritirare le truppe dall’Ucraina

Ritiro truppe in Ucraina sempre più vicino. Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha infatti disposto il rientro alle loro basi dei circa 10000 soldati collocati attualmente sul confine tra i due paesi, in quanto come dichiarato dallo stesso ministro, “gli obiettivi dei controlli rapidi sono stati raggiunti”

Ritiro truppe in Ucraina da parte della Russia: le origini delle tensioni

Confine che rappresenta da qualche mese zona delicata, da quando il governo russo ha deciso ad aprile di dispiegare 150000 truppe,  “il più alto dispiegamento dell’esercito russo alle frontiere ucraine di sempre” come tristemente definito dall’alto rappresentante dell’Unione Europea.

ritiro truppe in Ucraina
ritiro truppe in Ucraina

I rapporti tra i due paesi com’è ben noto non sono mai stati idilliaci, già dal 2014 quando la regione della Crimea è stata sequestrata ed annessa alla Russia. Un’annessione, tuttavia, mai riconosciuta dall’ Unione Europea e dalla NATO, così come dalla maggioranza degli stati membri ONU, che hanno adottato sanzioni politiche ed economiche nei confronti della Federazione Russa.

Tensioni che sono proseguite fino a culminare nuovamente nel 2018 con la  il primo scontro militare diretto tra le forze armate russe e quelle ucraine dall’inizio del conflitto, noto come l’ ‘incidente dello stretto di Kerč’, a seguito del quale il Parlamento Ucraino impose la legge marziale nelle regioni costiere e confinanti con la Russia bloccando  l’ingresso nel paese a tutti i cittadini russi tra i 16 ed i 60 anni per tutta la durata della legge marziale, dichiarando questa misura necessaria per la sicurezza nazionale.

Ritiro truppe in Ucraina da parte della Russia: cosa accadrà ora?

ritiro truppe in Ucraina
ritiro truppe in Ucraina

Una situazione, quella del confine russo-ucraino, per la quale ancora non sono previste sanzioni, ma che fino ad oggi è stata attentamente tenuta sotto controllo dall’Unione Europea, alla quale il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha chiesto nuove sanzioni nei confronti dello stato sovietico (oltre a quelle già inflitte per il caso Navalny), ma che non è intenzionata a seguire il modello della Repubblica Ceca, che recentemente ha espulso alcuni diplomatici russi.

ritiro truppe in Ucraina
ritiro truppe in Ucraina

In queste ore sembra esserci stata un allentamento delle tensioni tra i due Stati, alla luce appunto dell’imminente ritiro truppe in Ucraina da parte della Russia, che tuttavia stando ad alcune voci, stia pianificando di isolare le aree del Mar Nero alla navigazione straniera, e l’Ucraina teme che anche i suoi porti possano essere potenziali bersagli

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0