Strage nella favela di Rio: 28 le vittime tra cui un agente

Strage nella favela di Rio, Jacarezinho

È salito a 28 vittime, il bilancio dell’operazione contro il narcotraffico nella favela di Jacarezinho, a Rio de Janeiro. A riportarlo i media locali e la polizia. Tra i morti della strage nella favela di Rio, dunque del blitz più sanguinoso nella storia della città, anche un agente.

Inizialmente il bilancio del blitz era di 25 morti, ma come spiegato dall’agenzia di stampa ‘Agencia Brasil’, altre tre persone sono morte in ospedale per via delle ferite riportate.

In effetti, la favela di Jacarezinho è conosciuta per essere una delle basi del Comando Vermelho, un’organizzazione criminale situata nella zona nord di Rio. A luglio la Corte Suprema del Brasile aveva sospeso le operazioni della polizia nelle favelas durante la pandemia, permettendole solo “in casi assolutamente eccezionali”.

Strage nella favela di Rio
Strage nella favela di Rio

I video registrati dai residenti e dalle emittenti locali, mostrano chiaramente minuti di confusione nei vicoli della favela, accompagnati dal suono di esplosioni di granate e di raffiche di fucili automatici. A quanto pare, i residenti hanno raccontato all’emittente OGlobo di non poter uscire di casa.

Tra i tanti anche una sposa, che ha dovuto rimandare il matrimonio e una donna incinta che ha dovuto rinviare il parto programmato per oggi.

Obbiettivo dell’operazione “Exceptis” della polizia civile, sarebbe quello di indagare sull’utilizzo di bambini e adolescenti da parte dei criminali, per condurre operazioni illecite tra cui omicidi, spaccio di droga, furti e dirottamenti dei treni della ferrovia che passa nei pressi della favela.

A detta della polizia, i trafficanti adotterebbero tattiche di guerriglia con armi pesanti contro agenti in divisa di passaggio nella regione. Tuttavia, le forze di sicurezza brasiliane sono spesso accusate di uso eccessivo della forza contro la popolazione civile e durante le operazioni condotte nelle principali città del Paese.

Elena Ciccarone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0