Spagna e Marocco in crisi: migliaia di persone assaltano Ceuta e Melilla

Spagna e Marocco sono in crisi nera: tutto è iniziato quando la Spagna ha curato il Presidente della Repubblica del Saharaui, che si é ammalato di Coronavirus ed è stato curato nella penisola iberica.

Il Marocco non ha gradito questa mossa spagnola, interpretandola come una sfida e un modo per provocarli.

Spagna e Marocco: migliaia di migranti in pochissime ore

Spagna e Marocco-Politically Uncorrect
Spagna e Marocco-Politically Uncorrect

Un paio di giorni fa Ceuta, confine tra Spagna e Marocco, è stata letteralmente presa d’assalto: migliaia di persone hanno passato il confine via mare, addirittura i poliziotti marocchini hanno aperto le porte del confine e si sono rifiutati di fermare chiunque passasse illegalmente.

In pochissime ore sono arrivati in Spagna migliaia di marocchini al grido di libertà e volgiamo stare in Europa. Curiosamente lo stesso giorno, il Marocco ha ricevuto dall’Unione Europea aiuti sostanziosi per l’immigrazione.

La UE si è detta ferma sulle sue posizioni e non ha alcuna intenzione di cedere ai ricatti del Marocco, che intanto tuona contro la Spagna dicendo che sapevano benissimo che sarebbe finita così.

Spagna e Marocco: centinaia di minori senza un posto dove andare

Spagna e Marocco-Politically Uncorrect
Spagna e Marocco-Politically Uncorrect

Sul piano umanitario la crisi è enorme: i minori continuano ad arrivare via mare, e non ci sono centri di accoglienza appositi. Il governo spagnolo sta pensando di suddividerli in quote da assegnare ad ogni comunità autonoma.

Ha colpito tutti la foto del neonato di 2 mesi che viene salvato dalle acque: l’uomo che lo ha preso, intervistato dalla tv spagnola, dice che ci ha messo un po’ a capire che si trattasse di un bambino. In un primo momento ha pensato ad uno zaino, poi ha visto il colorito estremamente pallido, lo ha preso e si è reso conto che era un bambino in gravi condizioni.

Una domanda però sorge spontanea: queste migliaia di persone stavano in attesa di essere inviate al confine spagnolo? Sono state convinte a farlo oppure dietro c’è qualcosa di più?

Resta il fatto che vengono utilizzate come pedine in una crisi che mira solo ad avere soldi. Il che rende la situazione ancora più triste.

 

Tania Carnasciali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0