Emenergildo Zegna e Regione Lazio: possibile collegamento tra gli attacchi hacker

Attacco hacker alla Regione Lazio: possibile collegamento con un altro cyberattacco. La situazione nel Lazio a seguito dell’attacco hacker che ha coinvolto il server della regione, mandando letteralmente in tilt anche il sistema di prenotazione e gestione delle vaccinazioni contro il Covid-19, sembra essere rientrata.

Gli investigatori che stanno lavorando sul caso hanno osservato come la dinamica dell’attacco avvenuto domenica presenterebbe diverse analogie con un altro attacco hacker avvenuto nei confronti del brand di moda Ermenegildo Zegna, una delle realtà imprenditoriali italiane più note a livello internazionale.

Attacco hacker alla Regione Lazio: gli ultimi sviluppi 

Regione Lazio
Regione Lazio

Sec0ndo le ultime dichiarazioni della Polizia Postale, anche un secondo probabile attacco, con il presunto countdown, della durata di 72 ore, scaduto ieri sera alle 23, sarebbe stato sventato, e la situazione sta lentamente tornando alla normalità. Nel frattempo nella giornata di ieri è stato interrogato per tre ore  il dipendente della Regione Lazio di Frosinone, intestatario dell’account violato dagli hacker e dal quale sarebbero partiti gli attacchi, mentre giovedì sono stati rimossi dischi di backup dai server. 

Attacco hacker ad Ermenegildo Zegna: cos’è accaduto?

Regione Lazio
Regione Lazio

Solo qualche tempo dopo a quello alla Regione Lazio, si sarebbe verificato l’ attacco hacker al noto brand di moda  Ermenegildo Zegna, la cui sede centrale è situata a Milano. Un attacco simile come modalità di attacco, ossia un “accesso non autorizzato ai propri sistemi informatici”, come reso noto dalla stessa azienda tramite un comunicato stampa, in cui ha comunicato che “l’indagine è tuttora in corso e vogliamo rassicurare i nostri clienti e partner commerciali che i nostri team stanno lavorando intensamente, mettendo in atto tutti gli sforzi necessari per risolvere la situazione. La nostra priorità principale è garantire la continuità operativa in un ambiente sicuro e protetto

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0