Utero in affitto. Sbarca a Milano la fiera illegale

Utero in affitto: si è conclusa a Parigi la prima fiera dell’utero in affitto. Prossima tappa: Milano 15 – 16 maggio 2022

  • Maternità surrogata. Norme
  • Cos’è la fiera dell’utero in affitto?
  • Tappa italiana
fiera utero in affitto
fiera utero in affitto

Maternità surrogata. Norme e leggi italiane

Il programma di maternità surrogata è un metodo, in cui una donna accetta volontariamente di rimanere incinta con l’obiettivo di portare la gravidanza a termine e partorire un bambino biologicamente estraneo per lei, che verrà poi dato ai genitori genetici.

In Italia la surrogazione di maternità costituisce una pratica medica vietata, punita con la reclusione da tre mesi a due anni e con la multa da 600.000 a un milione di euro (articolo 12 della Legge 40). Il divieto è stato confermato nel 2017 dalla Corte costituzionale, la quale ha peraltro considerato come la pratica di surrogazione «offenda in modo intollerabile la dignità della donna e mini nel profondo le relazioni umane».

Il divieto normativo viene però aggirato da chi commissiona il bambino all’estero, specialmente nei Paesi poveri e svantaggiati dove molte donne sono disponibili a concepire e portare avanti una gravidanza sapendo che il bambino verrà loro sottratto subito dopo il parto. Spesso, accade che il figlio venga riconosciuto dai genitori non naturali nello Stato estero e iscritto nella relativa anagrafe; successivamente, sulla base dei dati riportati nel certificato di nascita, si tenta di ottenere la sua iscrizione nell’anagrafe italiana.

Ma anche in questo caso vi sono normative che regolamentano le adozioni, soprattutto per quanto riguarda le adozioni da parte delle coppie omosessuali.

Cos’è la fiera dell’utero in affitto?

La fiera nasce con l’intento di dare informazioni riguardo gli aspetti medico legali, i costi, per presentare la «Banca dati delle madri surrogate», che comprende donne sane fino a 35 anni di età, requisiti medici e psicologici, ed esigenze specifiche dei futuri genitori, le pratiche per stilare infine un contratto tra i genitori e la madre surrogata.

Suddivisa in stand, espositori di fotografie e cataloghi, la fiera offre inoltre la possibilità di conferenze in cui sarà dato spazio a neo genitori di raccontare la propria esperienza, spalleggiati da legali che illustreranno in quali altri Paesi l’utero in affitto non sia illegale. 

Al salone pro-utero in affitto si possono chiedere informazioni alle cliniche specializzate in maternità surrogata. Chi si occupa di utero di Gpa dà l’opportunità ai neo genitori di scegliere i donatori di gameti maschili e femminili su un catalogo. Altrettanto vale per la madre surrogata, le cui caratteristiche e inclinazioni sono schedate in un database a disposizione del cliente. Quest’ultimo, in tale modo, potrà “comporre” il proprio futuro figlio, scegliendo perfino il colore degli occhi, se sarà in grado di spendere di più.

Trattandosi di un’operazione costosa, non mancano le consulenze ad hoc per chi non ha grande disponibilità economica.

Fiera utero in affitto nel 2022 a Milano . Il Comune: “No autorizzazioni da noi”

Nonostante in Italia siano illegali la maternità surrogata e qualsiasi forma di organizzazione, pubblicazione e commercializzazione di gameti o di embrioni o la surrogazione di maternità, sembrerebbe che a Milano si terrà la prima data della fiera utero in affitto chiamata “Un sogno chiamato bebè”.

Ancora incerta la data poiché le notizie riportate dalla Francia non sono le stesse che il Primo cittadino Beppe Sala ha dichiarato durante un’intervista in cui ha reso manifesta la sua estraneità a qualsiasi fattispecie organizzativa, ipotizzando che la fiera si terrà in un posto privato.

Non è chiaro nemmeno il luogo dalla fiera utero in affitto. Dalla giunta milanese, l’assessora Laura Galimberti ha fatto sapere che il Comune di Milano non ha concesso autorizzazioni né patrocini, ma al momento non è nemmeno nelle condizioni di vietarne l’effettuazione.

Dal sito internet della manifestazione non si trae automaticamente l’idea che, durante la fiera, vengano fatti consulti medici in merito alla gestazione per altri o proposte su pratiche vietate. Si legge però che la tappa è prevista per il 15 e il 16 maggio 2022.

Potrebbe anche interessarti: in 45 anni scomparsi 45.000 bambini

Silvana Uber

Vicepresidente di una casa editrice nel triveneto, scrittrice per Leonida Edizioni, Eracle Editore, Titani edizioni e talent scout per autori emergenti. Mamma, amante dell'Africa... e del prosecco!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0