Contagi Covid-19 in famiglia: Pfizer studia un nuovo farmaco

Dall’inizio della pandemia, e ancora oggi nonostante la campagna vaccinale che procede spedita, i casi di cluster Covid-19 in famiglia hanno ancora un certo peso nel numero di positivi giornalieri, complice la ripresa delle attività lavorative e scolastiche in presenza, dove ancora le regole non sembrano essere del tutto uguali per tutta Italia per quanto riguarda la gestione di uno o più casi di bambini positivi.

Covid-19 in famiglia
Covid-19 in famiglia

Per fare fronte a tale situazione, Pfizer ha annunciato di aver avviato uno studio relativo ad un potenziale farmaco antivirale destinato soprattutto agli over 18,  all’interno di nuclei familiari in cui c’è un paziente Covid.

Covid-19 in famiglia ed Epic-Pep: di cosa si tratta esattamente?

Epic-Pep (sigla che sta per Evaluation of Protease Inhibition for COVID-19 in Post-Exposure Prophylaxis) è uno studio di fase 2/3, per valutare l’efficacia di un nuovo antivirale orale sperimentale, noto come PF-07321332, che verrebbe co-somministrato con una bassa dose di ritonavir, per la prevenzione dell’infezione da COVID-19.

Questo farmaco agisce come inibitore della proteasi SARS-CoV-2-3CL, bloccando pertanto l’attività del principale enzima di cui il coronavirus ha bisogno per replicarsi, impedendo così la sua moltiplicazione all’interno della cellula ospite e di conseguenza anche la sua diffusione.

La co-somministrazione con una bassa dose di ritonavir, contribuisce a rallentare il metabolismo, o degradazione, di PF-07321332 in modo che rimanga attivo nell’organismo per periodi di tempo più lunghi a concentrazioni più elevate per aiutare a combattere il virus.

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0