Scontri No Green Pass, Jared Leto coinvolto nelle proteste a Roma

Nella serata di ieri a Roma ci sono stati numerosi scontri No Green Pass. Violenza tra forze dell’ordine e manifestanti, al punto che le autorità sono ricorse anche alle bombe lacrimogene. Ma non solo: la sede nazionale del sindacato CGIL in Corso d’Italia e il pronto soccorso del policlinico Umberto I sono stati presi d’assalto, con numerosi danni e alcuni feriti.

Jared Leto, celebre front-man dei Thirty Seconds to Mars e attore statunitense che recentemente ha recitato in House of Gucci, pellicola sull’omicidio di Maurizio Gucci, si è trovato per caso in mezzo alla folla, mentre era nella capitale per godersi una vacanza.

Scontri No Green Pass, Jared Leto documenta tutto su Instagram

L’attore, nonostante le tensioni e il lancio dei lacrimogeni, è rimasto sul posto, documentando tutto sul suo profilo Instagram. Nelle stories ha pubblicato diversi video e foto girati sul momento con il suo cellulare, ritraendo gli assalti, i feriti, persone che si accanivano sui mezzi della polizia, prendendoli a calci. In una storia in particolare ha scritto:

Mi sono ritrovato in mezzo a una protesta in Italia. Da quanto ho capito, ha a che fare con i vaccini e l’obbligo del Green Pass. Mi sono beccato i lacrimogeni e ho dichiarato la serata conclusa.

Una serata di svago e relax interrotta bruscamente, ma nonostante ciò, Jared Leto è rimasto con coraggio sul posto per mostrare al mondo cosa stesse succedendo.

 

Scontri No Green Pass
Scontri No Green Pass (fonte: Il Messaggero) – Politically Uncorrect

Scontri No Green Pass: assalto alla CGIL e al pronto soccorso

Sono scesi in 10.000 in Piazza del Popolo a Roma, e in 5000 a Milano, per protestare contro l’obbligo di Green Pass nei luoghi di lavoro pubblici e privati, che decorrerà dal 15 ottobre. Molti hanno manifestato in maniera pacifica, ma sono iniziate ben presto anche le guerriglie tra alcuni dei presenti e le forze dell’ordine. Insulti al premier Draghi e al governatore Zaia, saluti romani, inneggiamenti alla “libertà“. La sede nazionale della CGIL è stata assaltata, con tapparelle divelte e telecamere staccate. All’interno, la devastazione: scrivanie rovesciate, computer distrutti, libri gettati a terra.

 

Scontri No Green Pass
Scontri No Green Pass (fonte: Avvenire) – Politically Uncorrect

 

Anche il pronto soccorso del policlinico Umberto I, dov’era ricoverato uno dei manifestanti, è stato preso d’assalto da una trentina di persone che si erano distaccate dal corteo. Il tutto è partito dal rifiuto del degente di sottoporsi al tampone per il covid, facente parte della prassi per un ricovero ospedaliero. Nella ressa, un’infermiera è stata ferita alla testa con una bottiglia.

Ci sono stati alcuni fermi, tra cui i leader di Forza Nuova e del movimento IoApro, Roberto Fiore e Biagio Passaro.

Martina Zennaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0