Green Pass Plus: le nuove modifiche al vaglio del Governo

Il cosiddetto “Green Pass Plus”, ossia il Green Pass obbligatorio non solo per andare al ristorante, al bar o per varie attività, ma anche per lavorare, vigente in Italia dal 15 ottobre e divenuto ieri legge, ha portato ad un incremento negli ultimi mesi delle somministrazioni di vaccino, portando il nostro Paese tra i più virtuosi, oltre che tra i più “protetti” nei confronti della “quarta ondata” che sta investendo buona parte dell’ Europa, tanto da spingere diversi Paesi ad adottare misure molto più restrittive, come il “lockdown per i non vaccinati” in vigore da lunedì in Austria.

Green Pass Plus
Green Pass Plus

Un modello, quello del nostro vicino d’Oltralpe, che secondo alcuni governatori dovrebbe essere applicato in Italia, per spingere ulteriormente la campagna vaccinale, ma soprattutto per evitare di tornare alla situazione di forte disagio dell’anno scorso in prossimità delle feste natalizie, che aveva portato un vero e proprio freno all’economia, con chiusure e limitazioni, come sottolineato dal governatore della Liguria, Toti:

“Questo è il momento in cui si programmano le vacanze di Natale e tutta la macchina economica che vi gira intorno, soprattutto dobbiamo dare la certezza ai lavoratori di tutti questi settori che il paese non richiuderà”

 

Green Pass Plus
Green Pass Plus

Una spinta, alla quale sembra contrapporsi fortemente il Governo, secondo il quale, nonostante l’aumento dei casi, la situazione in Italia è molto migliore rispetto ad altri paesi, in quanto come annunciato anche dal sottosegretario Costa, anche per la settimana prossima “nessuna regione passerà in zona gialla”  e che tali misure potrebbero essere applicate in casi estremi, come nel caso in cui una o più Regioni diventassero “zona arancione”.

D’altra parte, l’esecutivo potrebbe presto introdurre nuove regole riguardanti il “certificato verde”, incentivando così la somministrazione delle terze dosi.

Green Pass Plus: le nuove possibili misure dal 1° dicembre

Green Pass Plus
Green Pass Plus

La novità più importante potrebbe riguardare la durata di validità del certificato verde, che potrebbe nuovamente passare dai 12 ai 9 o addirittura 6 mesi, alla luce delle rilevanze scientifiche circa la durata della protezione anticorpale nei vaccinati contro Covid-19 con due dosi (o monodose nel caso del vaccino Johnson&Johnson).

Altra misura importante che potrebbe entrare in vigore con alta probabilità dal 1° dicembre è quella della terza dose obbligatoria per il personale sanitario, che sarà considerata a tutti gli effetti un requisito essenziale per l’esercizio della professione.

martina lumetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google.com, pub-1977910587878590, DIRECT, f08c47fec0942fa0